italia viva provoca la CRISI del GOVERNO CONTE, cronaca della giornata del 14 gennaio 2021

LEGGI ANCHE:

In prima pagina
• Conte ha deciso di andare in Parlamento per vedere se ha ancora la maggioranza. Lunedì sarà alla Camera, martedì al Senato. È partita una grande caccia ai «responsabili», ora ribattezzati «costruttori». Da Palazzo Chigi si dice che basteranno a mantenere in piedi in governo

Titoli
Corriere della Sera: Conte va alla sfida in Parlamento
la Repubblica: Renzi non cede: “Conte non ha i voti”
La Stampa: La conta di Conte
Il Sole 24 Ore: Conte lunedì in Parlamento a caccia di voti / Lo spread risale, allarme Ue sull’Italia
Il Messaggero: Conte ter con gli esuli renziani
Il Giornale: Caccia ai voltagabbana
Qn: Il premier al Colle: cerco i voti in aula
Il Fatto: Lo mollano tutti
Libero: Gli sbandati
La Verità: Conte tenta il tris coi nuovi Scillipoti
Il Mattino: Conte: avanti con i “costruttori”
il Quotidiano del Sud: Il Titanic Italia spaventa l’Europa
il manifesto: Roulette giallorossa
Domani: Niente dimissioni, Conte resiste / e pensa di trovare i voti anti Renzi

La caccia ai responsabili
«Nel cortile di Montecitorio il rumore della fontana copre i bisbigli dei capannelli. Hanno una caratteristica, i responsabili, o “costruttori”, come amano ora definirsi tentando di rubare credibilità alle parole di fine anno di Sergio Mattarella. Hanno tutti lo sguardo basso, anche quando parlano l’uno con l’altro. La posa del fedele che si confessa, con in tasca il registratore acceso. Racconta – uno dei papabili, dietro la promessa di un rigido anonimato – che lui, quando arrivano le offerte, registra. “Accendiamo il telefonino – dice – perché non si sa mai, magari la ritirano. O magari serva a ottenere qualcosa in più se mostri fedeltà e rimani”» [Cuzzocrea, Rep].

«I “costruttori”, così vogliono farsi chiamare (“responsabili ha assunto una connotazione negativa”) sono già fra noi. Da Palazzo Chigi fanno girare uno schema: 15-20 senatori pronti a costruire, maggioranza 166-168 voti. Dallo staff renziano diffondono altri numeri, sostenendo che i 5 stelle potrebbero perdere pezzi a vantaggio della Lega e che la maggioranza non arriva oltre i 151 voti, che non basterebbero. Bruno Tabacci sembra sicuro: “Conte ci metta la faccia e un sostegno in Parlamento lo trova, è tutto fatto o quasi: ora alcuni smentiscono, ma quando sarà il momento e ci sarà un gruppo in cui confluire arriveranno. Non hanno alternative, se si va a votare che fine fanno?”» [Carratelli, Sta].

«Conte ieri ha passato buona parte della mattina a fare telefonate per blindare l’operazione. Finora aveva delegato solo a emissari, del Movimento. Ieri si è mosso per chiedere e rassicurare. “Non ha promesso posti” giurano. Qualcosa, anzi di più, dovrà dare, è ovvio. Ma il più è fatto» [De Carolis, d’Esposito, Fatto].

«E poiché ciascuno, centrista, ex grillino, socialista o renziano pentito, ha a cuore lo scranno presente e futuro, il giurista pugliese rivela che sta lavorando a “un grande progetto politico, europeista, liberale e ambientalista, in contrasto totale con le idee sovraniste di Salvini e Meloni”» [Guerzoni, CdS].

Nel pomeriggio, poco dopo le 16, il presidente del Consiglio è salito al Quirinale. È rimasto sul colle più alto per circa un’ora.

«Con molta pazienza, viste le difficoltà del momento, Sergio Mattarella ha concesso al premier quasi 24 ore di tempo per schiarirsi le idee […] Giuseppe Conte gli ha confermato che le ministre renziane, Elena Bonetti e Teresa Bellanova, si sono entrambe dimesse in base all’ordine di scuderia; per colmare i due vuoti, assumerà provvisoriamente l’interim dell’Agricoltura e si riprenderà la delega delle Pari opportunità. Espletate queste formalità, il discorso è entrato nel vivo. Conte ha escluso di volere arrendersi senza combattere, manifestando a Mattarella l’intenzione di coinvolgere le Camere e di concludere il dibattito parlamentare con un voto da cui il suo governo potrebbe uscire vittorioso, ma anche con le ossa rotte» [Sta].

«Il premier andrà prima alla Camera, lunedì, dove i numeri non impensieriscono. Poi al Senato, martedì mattina, dove invece le geometrie variabili della suspense lasciano molte incertezze» [Lombardo, Sta].

«Il presidente della Repubblica, recita il comunicato dell’incontro, “ha preso atto degli intendimenti così manifestati dal presidente del Consiglio”» [Sta].

«In serata da Palazzo Chigi filtrava ottimismo» [Trocino, CdS].

«“L’amore è un’onda sinusoidale. In questo momento siamo al picco, c’è molto affetto nei nostri confronti”. Il comandante Gregorio De Falco, ex M5S, non rinuncia all’ironia. Sono ore di telefonate, messaggini, chat. Tutte molto amorevoli» [ibidem]

«È in atto una grande offensiva mediatica per far vedere che i responsabili ci sono già, che hanno i numeri. Non è così. Serve soltanto ad aprire un problema nel nostro gruppo, a convincere i nostri che è più conveniente andare via. La macchina mediatica di Casalino e amici si è messa in moto, ma anche al Quirinale nutrono dubbi su questi numeri. Dobbiamo essere compatti come una falange macedone» [Matteo Renzi, ribattezzato Demolition Man dal Financial Times].

«Anche se riuscissero a fare un governo di responsabili o supposti tali, quanto durerebbero? Tre mesi al massimo» [Matteo Renzi].

«Trovo incomprensibile e incredibile che l’Italia e in parte anche l’Europa debbano andare dietro le follie di una sola persona» [Enrico Letta].

«Mina la stabilità in qualunque scenario si possa immaginare» [Nicola Zingaretti].

«Il mio scenario preferito è salvare la baracca» [Dario Franceschini].

Un commento

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.