Le insidie dell’algoritmo. Per non cadere preda della rete bisogna cercare quello che si sa, di Paolo D’Angelo, in Domani 29 nov 21

letto in edizione cartacea

cerca in: https://www.editorialedomani.it/idee/cultura/per-non-cadere-preda-della-rete-bisogna-cercare-quel-che-si-sa-qwwn07jy

  • Come si faccia a cercare quello che non si sa è sempre stato un problema difficile da risolvere. Platone, nel Menone, supponeva che noi disponessimo per farlo di un sapere acquisito nelle vite precedenti.
  • Sono le procedure di autocomplete e i suggerimenti per raffinare la ricerca che compaiono quando digitiamo un titolo o un nome che ci fanno trovare quello che non sappiamo, si potrebbe pensare.
  • Ma è veramente così? Le query suggestions sono piene di indicazioni fuorvianti, spesso tendenziose, talvolta preconcette, in qualche caso calunniose. La rete ci aiuta veramente solo se disponiamo di un sapere di fondo.

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.