WelForum, indice, 14 dicembre 2022

Il dibattito sul reddito di cittadinanza: 5 semplificazioni
Remo Siza

Il dibattito sul reddito di cittadinanza e sulle politiche di contrasto della povertà si sta sviluppando in termini molto riduttivi: non tiene conto dei dati prodotti da istituzioni come Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, l’Istat, INPS, Anpal, Eurostat, organizzazioni internazionali come l’Oecd e l’Ilo (International Labour Organization) e delle numerose ricerche accademiche realizzate in questi anni. Il dibattito non riguarda gli aspetti critici del RDC, ma aspetti più generali che riguardano la sostenibilità finanziaria della misura, i suoi effetti sulla motivazione al lavoro e sulla crescita della dipendenza dei beneficiari dai benefici economici, le distinzioni tra poveri che meritano aiuto e poveri che si ritiene non si impegnino nella ricerca di un lavoro: cinque semplificazioni sono particolarmente evidenti.

Terzo settore

La co-progettazione “interpretata” dal Codice degli appalti non è utile
Gianfranco MarocchiAlceste Santuari

Gli autori propongono le loro riflessioni in merito all’articolo 6 dello schema preliminare di Codice dei contratti pubblici in attuazione dell’articolo 1 della legge 21 giugno 2022, n. 78, recante “Delega al Governo in materia di contratti pubblici”, che il Consiglio di Stato ha trasmesso qualche settimana fa al Governo.  LEGGI > 

Politiche e governo del welfare

Un mix di politiche per contrastare il lavoro povero
A cura di Emanuela Struffolino

Avere un lavoro non è sufficiente per scongiurare il rischio di vivere in povertà: questa evidenza si riscontra in tutti i paesi dell’Unione europea in cui la povertà lavorativa si attesta in media intorno al 9%. La povertà lavorativa, così come la povertà in generale, è il risultato di un processo che comprende più cause e non solo salari insufficienti. Per questo, per contrastare il lavoro povero è necessario un mix di politiche.  LEGGI > 

Migrazioni

La partecipazione dei migranti nella costruzione di policies locali
Carla DessiFulvia D’IncertiEliana Gabellini

È possibile promuovere una maggiore partecipazione delle persone con background migratorio nella costruzione di policies a vari livelli? Questo contributo propone alcune riflessioni a partire da una ricerca condotta a livello europeo che si inserisce all’interno del progetto SHAPE (SHaring Actions for Participation and Empowerment of migrant communities and LAs) finanziato nell’ambito del Fondo Europeo AMIF 2020.  LEGGI > 

Famiglia, infanzia e adolescenza

Allontanamento zero è legge
Luciano Tosco

“Allontanamento zero”, la nuova legge piemontese che regola la tutela minorile, è in primo luogo, per la parte politica che l’ha promossa, una norma con forte valenza identitaria, che si pone come possibile apripista a livello nazionale della diffusione di un nuovo modello di intervento. Al tempo stesso si tratta di una norma problematica da più punti di vista e con incerti sviluppi sia nei principi e obiettivi, sia nelle disposizioni applicative.  LEGGI > 

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.