Claudio Risè, Il potere nella rete

Sarà Internet a ridare la libertà al Nord Africa, rovesciandone i regimi autoritari e i loro capi?

….

È così, ma non è tutto.
Internet è certo usato dai ribelli, ma non è di sicuro sconosciuto ai gruppi integralisti del fondamentalismo islamico, come risulta dalla storia del terrorismo dal 2000 in poi. I capi terroristi hanno per solito una formazione scolastica e culturale perfettamente aggiornata, spesso compiuta in Occidente. Dopo un’iniziale perplessità, hanno rapidamente colto l’enorme aiuto che Internet può dare agli atti di ribellione (infatti l’hanno usato nell’organizzare sia i gruppi che gli attentati), ma, ancor di più, alla loro repressione.
La rete, infatti, è uno straordinario strumento di contatto, informazione, e collegamento, capace di scavalcare come mai era stato possibile distanze enormi e barriere geografiche e politiche.
Internet arriva ben oltre la voce dei muezzin, e il suo ruolo nel cercare di costituire, forse per la prima volta, una sia pur variegata unità nel mondo islamico, collegando comunità sparse in ogni continente, è stato enorme.
Tuttavia la rete non è più, ormai, solo uno strumento di contatto, e di diffusione delle proprie idee. Il web è infatti diventato, nel corso del tempo, anche una sorta di gigantesco database universale, che vede e ricorda in tempo reale l’identità e le attività di masse sempre più estese di persone, la cui vita, i cui movimenti e attività, ed anche le cui idee si possono ricostruire con pochi click.

Google conserva nelle sue memorie ogni richiesta di ricerca che gli viene fatta (e ne riceve un miliardo al giorno). “Negli Usa agenzie commerciali offrono dossier su milioni di persone, con più di mille dati per ognuno”. Lo stesso capo di Google, Eric Schmidt, in un’intervista a Friedman, giornalista del New York Times, ha notato che in tempo di Internet le persone devono diventare “molto più attente a come parlano, come interagiscono, e a cosa offrono di sé” agli altri.
In un Paese democratico, come gli Stati Uniti, i rischi (come dimostra il caso dello psicoterapeuta, e gli altri citati nel libro), sono più limitati, anche se non irrilevanti. Ma una dittatura può fare molto di più, sia nello schedare i sudditi che nel dissuaderli a interferire con un potere che sa tutto di loro.
Chissà se Internet aiuterà a rovesciare gli attuali dittatori. Di sicuro potrebbe aiutare i loro successori a schiacciare ogni opposizione.

da Diario di bordo :: Il potere nella rete :: February :: 2011.

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.