Dati sul Servizio sanitario nazionale al 2008

Ecco i principali dati sul personale del Ssnle attività gestionali di Asl e Ao contenuti nell’ultimo Annuario Statistico pubblicato dal ministero della Salute e riferito all’anno 2008.

Personale
Nel 2008 il personale ammonta a 638.459 unità, in diminuzione rispetto alle 649.248 unità del 2007,  e risulta così ripartito: il 70,0% ruolo sanitario, il 18,1% ruolo tecnico, il 11,7% ruolo amministrativo e lo 0,2% ruolo professionale. Nell’ambito del ruolo sanitario, il personale con profilo professionale medico è pari a 105.638 unità (di cui 36.501 donne), 260.787 gli infermieri (di cui 199.507 donne), 5.441 i veterinari (di cui 763 donne), 2.338 i farmacisti (di cui 1.719 donne) e 3.742 i biologici (di cui 2.631 donne).
Nelle strutture di ricovero pubbliche ed equiparate operano 98.727 medici e 246.691 unità di personale infermieristico (non è compreso il personale universitario), mentre 1.565 sono i farmacisti.

Strutture assistenziali
Nel 2008 risultano 1.186 strutture per l’assistenza ospedaliera, 9.726 per l’assistenza specialistica ambulatoriale, 5.320 per l’assistenza territoriale residenziale, 2.346 per l’assistenza territoriale semiresidenziale, 5.284 per l’altra assistenza territoriale e 938 per l’assistenza riabilitativa. Per quanto riguarda la natura delle strutture, sono in maggioranza pubbliche le strutture che erogano assistenza ospedaliera (54,4%) e le strutture che erogano altra assistenza territoriale (88,2%). Sono in maggioranza private accreditate le strutture che erogano assistenza riabilitativa ex art.26 della Legge 833 (78,3%) e le strutture che erogano assistenza territoriale residenziale (73,3%).
L’analisi dei trend del numero di strutture nel periodo tra l’anno 2005 e l’anno 2008 evidenzia una sostanziale stabilità per quanto riguarda l’assistenza ospedaliera (si registra una leggera contrazione, -1,2%, del numero di strutture pubbliche). Per l’assistenza specialistica ambulatoriale “Ambulatorio Laboratorio”, si assiste ad una riduzione del 5,3% delle strutture pubbliche e ad una lieve riduzione dello 0,7% per quelle private accreditate. Significativi incrementi, soprattutto per il privato accreditato, sono evidenziati dai trend dell’assistenza territoriale semiresidenziale.

Medici di famiglia e pediatri di libera
In media a livello nazionale ogni medico di base ha un carico potenziale di 1.114 adulti residenti, con differenze regionali a volte marcate. Il carico medio potenziale per pediatra è a livello nazionale di 1.019 bambini, con una variabilità territoriale anche più elevata rispetto a quella registrata per i medici di medicina generale. Tutte le Regioni comunque sono caratterizzate da una carenza di pediatri in convenzione con il SSN ad eccezione dell’Abruzzo, Emilia Romagna, Sardegna, Sicilia, Valle d’Aosta, che presentano un numero di bambini per pediatra di poco superiore al massimale stabilito nel contratto di convenzione.

Servizio di guardia medica
Nel 2008 si registrano 2.984 punti di guardia medica; con 13.040 medici titolari ovvero 22 medici ogni 100.000 abitanti. A livello territoriale si registra una realtà notevolmente diversificata sia per quanto riguarda la densità dei punti di guardia medica sia per quanto concerne il numero dei medici titolari per ogni 100.000 abitanti.

Assistenza farmaceutica convenzionata
In Italia nel 2008 sono state prescritte 550.655.394 ricette con un importo di poco superiore ai 12 miliardi di euro, con un costo medio per ricetta di circa 22 euro. Il costo medio per ricetta risulta fortemente variabile all’interno del territorio nazionale registrando il valore minimo nelle Marche (18,40 euro) e quello massimo (26,31 euro) in Lombardia.

Assistenza domiciliare integrata
Nel corso del 2008 sono stati assistiti al proprio domicilio 494.204 pazienti, di questi l’81% è rappresentato da assistibili di età maggiore o uguale a 65 anni e il 9,5% è rappresentato da pazienti terminali. Mediamente a ciascun paziente sono state dedicate circa 22 ore di assistenza erogata in gran parte da personale infermieristico (16 ore). Le ore dedicate a ciascun malato terminale risultano, invece, pari a 31.

Strutture sanitarie non ospedaliere
In totale sono stati censite 9.726 strutture sanitarie di tipo ambulatorio/laboratorio: la percentuale di strutture pubbliche è molto variabile a livello regionale; in generale nelle Regioni Centro-meridionali si ha una prevalenza di strutture private accreditate. Una situazione opposta si registra per quanto riguarda le altre strutture territoriali nelle quali prevale la gestione diretta delle Aziende Sanitarie.
Le strutture di tipo Ambulatorio/Laboratorio pubbliche erogano nella maggior parte dei casi assistenza clinica, mentre quelle private convenzionate erogano prestazioni di laboratorio.
Per quanto riguarda le altre strutture extraospedaliere, nel 2008 sono stati censite 5.320 strutture residenziali, 2.346 di tipo semiresidenziale, 5.284 di altro tipo (come centri di salute mentale, consultori, stabilimenti idrotermali). Con riferimento alle strutture residenziali e semiresidenziali
sono stati censiti 233.935 posti, pari a 392 per 100.000 abitanti. Di questi il 71,3% sono stati dedicati all’assistenza agli anziani, il 13,0% all’assistenza psichiatrica, il 15,2% all’assistenza ai disabili psichici e fisici, lo 0,5% ai pazienti terminali; probabilmente questi dati sono sottostimati poiché in alcuni casi c’è una sovrapposizione dei vari tipi di assistenza.

Strutture riabilitative
Ne sono state rilevate 938 con 15.345 posti per l’attività di tipo residenziale e 14.264per l’attività di tipo semiresidenziale in complesso 50 ogni 100.000 abitanti. Il numero di utenti totali assistiti in regime residenziale è superiore agli utenti assistiti in regime semiresidenziale (rispettivamente 54.506 e 25.124 utenti); tale rapporto cambia a seconda della tipologia di attività riabilitativa, in particolare la riabilitazione neuropsichiatrica infantile è svolta preferibilmente in strutture semiresidenziali. Nel 2008 le strutture riabilitative hanno impiegato 46.565 unità di personale di cui il 10% costituito da medici ed il 41% da terapisti e logopedisti.

da: QS – Quotidiano Sanità: Studi e Rapporti – Tutti i numeri del Servizio sanitario nazionale.

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.