Approvato il nuovo Statuto – Università degli Studi di Milano-Bicocca

Approvato il nuovo Statuto

Il Senato Accademico, riunitosi in seduta straordinaria lo scorso 17 ottobre, ha approvato il nuovo Statuto dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, già trasmesso al Ministero per l’approvazione definitiva. Ecco le principali novità:

Gli organi di governo
Il Rettore dura in carica 6 anni e non è rinnovabile. Possono essere eletti i docenti che assicurino un numero di anni di servizio almeno pari alla durata del mandato prima della data di collocamento a riposo. Il personale tecnico-amministrativo a tempo indeterminato entra a far parte dell’elettorato attivo, con voto ponderato del 10 per cento.

Il Rettore può essere sfiduciato, non prima di due anni dall’inizio del mandato, su proposta di almeno un terzo dei componenti del Senato accademico. La mozione è approvata se ottiene il voto favorevole dei due terzi dei componenti del Senato. Sottoposta al corpo elettorale, passa se votata dal 50 per cento dei votanti.

Il Senato accademico è composto da 18 componenti (compreso il Rettore che lo presiede): 12 docenti di ruolo, di cui 4 Direttori di dipartimento, 6 professori di ruolo e 2 ricercatori di ruolo, eletti da collegi elettorali corrispondenti a 4 macroaree scientifico – disciplinari (Scientifica, Medica, Economico-giuridico-statistica, Psico-socio-pedagogica); 3 rappresentanti degli studenti; 2 rappresentanti del personale tecnico e amministrativo eletti in unico collegio.

Durata in carica: 3 anni accademici
Il consiglio di amministrazione: da organo rappresentativo di categorie (elettivo) a organo tecnico e di gestione (non elettivo, a eccezione dei rappresentanti degli studenti).

È formato da 11 componenti (compreso il Rettore che lo presiede): 8 componenti, di cui 5 interni all’Ateneo e 3 esterni, in possesso di comprovata competenza in campo gestionale o di esperienza professionale e scientifica di alto livello e di eventuali ulteriori requisiti determinati dal Senato Accademico; 2 studenti eletti. Le candidature degli 8 componenti avvengono sulla base di avviso pubblico di selezione.

Le candidature per i componenti interni sono valutate e approvate dal Senato accademico, per i componenti esterni sono valutate dal Rettore e da un comitato tecnico di valutazione che lo coadiuva, e sottoposte al Senato accademico per l’approvazione. Chiunque può candidarsi purché in possesso dei requisiti professionali e di esperienza previsti e salvo le incompatibilità previste dalla normativa e dallo Statuto.
Durata in carica del CdA: 3 anni solari

Gli organi di nuova istituzione
Il consiglio del personale tecnico – amministrativo sostituisce la precedente Consulta. Può esprimere parere al CdA anche sul documento di programmazione finanziaria annuale e triennale del personale dell’Università.

L’Osservatorio per la didattica ha il compito di coordinare le azioni per la valutazione della qualità dell’offerta didattica complessiva attivata dall’Ateneo e di definire gli interventi da adottare per il suo miglioramento. È composto da otto docenti e dal Presidente che è nominato dal Rettore.

L’Osservatorio per la ricerca promuove e coordina le attività di valutazione dell’attività scientifica e di ricerca dell’Ateneo; esprime un parere sull’attività scientifica dei professori e ricercatori a tempo indeterminato; segnala annualmente al Consiglio di Amministrazione e al Senato accademico i docenti dell’Ateneo che abbiano svolto una ricerca scientifica di particolare qualità, ai fini della ripartizione del Fondo di ateneo per la premialità; trasmette al Senato accademico e al Consiglio di Amministrazione una relazione sull’attività scientifica dei ricercatori a tempo determinato che abbiano conseguito l’abilitazione scientifica nazionale e siano candidati all’inquadramento nel ruolo dei professori  associati.
È composto da dieci docenti e dal Presidente nominato dal Rettore.

Il Collegio di disciplina è competente a svolgere la fase istruttoria dei procedimenti disciplinari a carico di professori e ricercatori e a esprimere in merito parere conclusivo in conformità a quanto previsto dalla legislazione vigente.

Il Comitato Unico di Garanzia sostituisce il Comitato per le pari opportunità

L’organizzazione scientifica della didattica
Come previsto dalla legge, il Dipartimento diventa la struttura fondamentale dell’organizzazione dell’Ateneo, competente sia per la ricerca sia per la didattica. Ciascun Dipartimento è formato da non meno 35 docenti.
Sono introdotte le Scuole quali strutture di coordinamento dell’attività didattica tra due o più Dipartimenti.
È costituito il Fondo per la premialità finalizzato a incentivare e incrementare la qualità dell’offerta didattica, la ricerca scientifica e le attività gestionali di professori e ricercatori a tempo pieno. È prevista per l’Ateneo la possibilità di costituire sedi all’estero per le finalità di didattica e ricerca.

Condividi   RSS        

da Approvato il nuovo Statuto – Università degli Studi di Milano-Bicocca.

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.