STRANIERI A SCUOLA: GUARDIAMO IN FACCIA I PROBLEMI, di Andrea Ichino, settembre 2013

STRANIERI A SCUOLA: GUARDIAMO IN FACCIA I PROBLEMI
I dati mostrano che l’inserimento di un immigrato ha per lo più l’effetto temporaneo di un rallentamento dell’attività didattica. 

Perché questo effetto possa essere neutralizzato occorre non rifiutarne l’esistenza, ma al contrario discuterne apertamente: le soluzioni non mancano.

Da uno studio condotto con Rosario Ballatore e Margherita Fort (“The Tower of Babel in the classroom”, www.andreaichino.it) emerge che sostituendo un nativo con un immigrato in una classe della seconda elementare, la frazione di risposte corrette dei nativi nei test Invalsi si riduce del 12% in italiano e del 7% in matematica (dati relativi al 2009-10). La buona notizia è che questo sensibile effetto negativo (comparabile ad esempio a quello di avere genitori disoccupati o con un diploma non superiore alla scuola superiore) sparisce nelle quinte elementari: la scuola italiana riesce ad integrare gli stranieri ma in tempi relativamente lunghi, che devono assolutamente essere accorciati.

 

Leggi tutto l’articolo qui  http://www.pietroichino.it/?p=28163

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.