Come nasce un libro Carocci / parte 5

Carocci in sciopero

Ovvero virtù e manie di un redattore

Terminato il lavoro sull’interno del volume e risolti gli immancabili dubbi dell’ultim’ora in una concitata sessione finale con l’autore ormai esausto ma felice, non resta che dedicarsi alla veste esterna del libro.

Fase 5. Il biglietto da visita del libro: la copertina

Essendo il primo elemento con cui il lettore entra in contatto, la copertina dovrà senz’altro essere accattivante e incuriosire ma anche rispecchiare fedelmente il contenuto del volume, senza promettere di più o di meno, per non tradire le aspettative.

Il piatto di copertina, come l’eventuale immagine prevista, viene ideato e progettato da un visual designer dopo un’attenta valutazione del volume e della collana in cui è inserito. Alcune collane possono avere delle copertine seriali, immediatamente riconoscibili, giocate su motivi ripetuti o lievemente variati; per altre collane invece è prevista una maggiore libertà nella scelta delle immagini, del font, del…

View original post 91 altre parole

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.