Terrorismo islamico: PARIGI, ATTENTATO AL GIORNALE SATIRICO CHARLIE HEBDO, 12 ASSASSINATI, 8 Gennaio 2015

Charlie Hebdo Alle 11 e 30 circa di ieri, al centro di Parigi, quartiere della Bastiglia, tre uomini a bordo di una Citroën C3 nera si fermano in rue Nicolas Appert. Si chiamano Said e Chèrif Kouachi, fratelli, e Ahmid Mourad. Uno resta aalla guida dell’auto, gli altri scendono: vanno al numero civico 6 e chiedono del settimanale satirico “Charlie Hebdo”. Gli indicano il civico 10. Col volto coperto e armati di kalashnikov e un fucile a pompa, forse con i giubbotti anti-proiettile, cercano la redazione. Costringono un inserviente trovato all’ingresso a dare indicazioni precise, ottenute le informazioni lo uccidono: si chiamava Fredéric Boisseau, 42 anni. I terroristi salgono al secondo piano, incrociano la disegnatrice Corinne Rey, la firma «Coco» del giornale, che era andata a prendere la figlia all’asilo. Con le armi puntate addosso, Coco digita il codice di accesso per aprire la porta del giornale. A qell’ora c’è la riunione di redazione per decidere cosa pubblicare. In cinque minuti i due uomini fanno una strage: il primo a morire è Franck Brinsolaro, 49 anni, agente di scorta del direttore, ucciso con più colpi; poi tocca a “Charb”, cioè il direttore Stéphane Charbonnier. Cadono i tre vignettisti Wolinski, Jean Cabut in arte “Cabu”, Bernard Verlhac “Tignous”, Philippe Honoré, l’economista Bernard Maris, la psicologa Elsa Cayat, il correttore Moustapha Ourad, che aveva appena ottenuto la nazionalità francese. Nella redazione muore anche una persona che si trova lì per caso, Michel Renaud, ex direttore di gabinetto del sindaco di Clermont-Ferrand e fondatore del festival «Rendez-vous du carnet de voyage». Effettuato il massacro, i due terroristi sono tornati in strada e si sono diretti verso la Citroën dove c’era il terzo uomo ad aspettarli. Nei video girati con il telefonino dalle finestre e dal tetto, li si sente gridare «Allah Akbar!». Scaricano decine di colpi sul parabrezza di un’auto della polizia, con gli agenti all’interno miracolosamente indenni. Vedono avvicinarsi un agente di polizia in bicicletta, lungo il boulevard Richard Lenoir. Gli sparano, quello cade, si avvicinano, lo finiscono con un colpo alla testa: si chiamava Ahmed Merabe, 42 anni, del commissariato centrale dell’XI arrondissement. Quindi sono saliti in auto e scappati. 

Ricercati Gli assassini: i fratelli Said e Chérif Kouachi, di 34 e 32 anni, e il loro presunto complice Hamid Mourad, 18 anni, vengono dalla banlieue di Gennevilliers. Ricercati e braccati per tutta la notte, li hanno individuati nel quartiere della Croce rossa di Reims, a 150 chilometri dalla redazione di “Charlie Hebdo”. Al momento in cui vengono chiusi i giornali sono ancora sotto il mirino dei tiratori scelti. Ancora non c’è prova della loro colpevolezza. I due fratelli di etnia franco-algerina, nati a Parigi, erano rientrati dalla Siria appena in tempo per preparare la strage. Il più giovane dei due ha da poco finito di scontare tre anni di carcere con la condizionale. La traccia che avrebbe fatto risalire all’identità del commando è la carta d’identità dei maggiore dei frattelli Kouachi ritrovata nella Citroen abbandonata. 

Redazione Il settimanale “Charlie Hebdo” nel 2002, diretto dal Philippe Val, si era schierato con Oriana Fallaci in occasione dell’uscita in Francia del libro La rabbia e l’orgoglio. Con il tempo è stato accusato di essere islamofobo e antisemita. Nel 2009 arrivò il nuovo direttore Stéphane Charbonnier: due anni dopo finì sotto scorta per la pubblicazione di alcune vignette irriverenti su Maometto. La redazione si era trasferita in via Appert poco dopo un attentato del novembre 2011, quando i suoi locali nel XX arrondissement erano stati incendiati e devastati. 

Vignettisti Brevi biografie dei vignettisti uccisi. Stéphane Charbonnier, “Charb”, classe 1967, figlio di un tecnico delle Poste e della segretaria di un ufficiale giudiziario, da bambino ricopiava i suoi fumetti preferiti, da “Tintin” a “Lucky Luke”. Disegnatore nel giornalino della scuola, poi a “Les Nouvelles de Val-d’Oise”, aveva la sua strada tracciata nei giornali satirici, fino ad arrivare, appena 42enne a dirigere “Charlie Hebdo” (tra i suoi personaggi più famosi in Francia ci sono Maurice e Patapon, un cane e un gatto anticapitalisti). Aveva continuato a collaborare anche con altre testate, come “L’Humanité”, in memoria della sua giovanile fede per il Partito comunista francese. Georges Wolinski, nato a Tunisi il 28 giugno del 1934 da madre franco-italiana e padre ebreo polacco, dal 1945 viveva in Francia. Aveva interrotto gli studi di architettura senza laurearsi per dedicarsi alla sua passione, il disegno, esordendo negli anni Sessanta sulla rivista satirica “Hara-Kiri” (che sarebbe diventata “Charlie Hebdo”). Ha pubblicato un’ottantina di albi, diversi libri, e collaborato con oltre quaranta testate. Nel 2005 aveva ricevuto la Legion d’onore e vinto il Grand Prix de la ville d’Angoulême. L’Italialo aveva conosciuto negli anni Settanta su Linus, cone disegnatore dell’erotica Paulette. “Cabu”, 76 anni, aveva fatto parte di “Hara-Kiri”, nel 1960, dopo due anni di servizio militare in Algeria. Antimilitarista, anarchico, critico contro tutte le religioni e la politica. Disegnava per “Charlie Hebdo” e per il suo concorrente, “Le Canard Enchainé”. Bernard Verlhac, 58 anni, si faceva chiamare “Tignous”, un termine occitano in onore della nonna che lo chiamava «piccola tigna». Collaboratore dei giornali satirici “Charlie Hebdo”, “Marianne et Fluide glacial”. Ha pubblicato i suoi primi disegni negli anni Novanta. Nato nel 1941 a Vichy, “Honoré” (nome completo: Philippe Honoré) era un fumettista storico di “Charlie Hebdo”. Pubblicò la sua prima vignetta quando aveva 16 anni sulle pagine di “Sud Oueste”. Nel 2009 disegnò per l’enciclopedia francese Le Petit Larousse Illustré. [Sull’argomento leggi anche il Fatto del giorno]

DA Le notizie del 8 Gennaio 2015

559_001 2015-01-08_120129 2015-01-08_120152 2015-01-08_120210

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.