Aldo Moro aveva paura di essere ucciso. A svelarlo sono le pagine della relazione sul suo rapimento, arricchita da alcuni documenti, da La cucina della Stampa, 19 gennaio 2016

Aldo Moro aveva paura di essere ucciso. A svelarlo sono le pagine della relazione sul suo rapimento, arricchita da alcuni documenti desecretati che ci racconta Fabio Martini.

Venticinque giorni prima del rapimento un agente dei Servizi segreti italiani di stanza a Beirut scrisse in un cablogramma di una possibile operazione terroristica che avrebbe potuto coinvolgere il nostro Paese.

L’altra scoperta riguarda una relazione segreta: poche ore prima di essere rapito, Moro chiese alla Digos di attivare la vigilanza presso il suo studio privato, in via Savoia a Roma.
La vigilanza non fu attivata e soprattutto la relazione con quella richiesta fu depositata ben undici mesi dopo l’attentato.

Sorgente: La cucina della Stampa

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.