Lavori di comunità, la paziente fatica di portarsi dietro il peso del vocabolario, di ANDREA PANCALDI (Responsabile della redazione sociale del Dipartimento benessere di comunità del Comune di Bologna) – in Scambi di Prospettive novembre 2016

E’ necessario dare un volto, anzi dare volti alla comunità. Dentro il volontariato, l’associazionismo, la cittadinanza attiva, la cura dei beni comuni, le varie forme e attori della social innovation (…dice giustamente Aldo Bonomi che non c’è smart city se non c’è social city) bolle tutto e il contrario di tutto. E’ un bene? un male? è da conoscere meglio e soprattutto comprendere meglio il lessico che da loro identità, sia quello autoprodotto sia quello che fa capolino sui media.

VAI ALL’INTERO ARTICOLO

Sorgente: Lavori di comunità, la paziente fatica di portarsi dietro il peso del vocabolario – Scambi di Prospettive

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.