MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI

Home » 1) BISOGNI, DOMANDE, PROBLEMI » BIOETICA E BIOPOLITICA » Testamento biologico » LA SCELTA FINALE RIFLESSIONI ATTORNO AL TESTAMENTO BIOLOGICO. Incontro pubblico con Giuseppe Remuzzi, Silvia Salardi e Giangiacomo Schiavi. Introdurrà Gisella Introzzi. Organizzato dalla Associazione Accanto , Venerdì 17 febbraio 2017, ore 21, Biblioteca comunale di Como. Appunti di Paolo Ferrario

LA SCELTA FINALE RIFLESSIONI ATTORNO AL TESTAMENTO BIOLOGICO. Incontro pubblico con Giuseppe Remuzzi, Silvia Salardi e Giangiacomo Schiavi. Introdurrà Gisella Introzzi. Organizzato dalla Associazione Accanto , Venerdì 17 febbraio 2017, ore 21, Biblioteca comunale di Como. Appunti di Paolo Ferrario

testamento-biologico4984testamento-biologico4985testamento-biologico4986testamento-biologico4987testamento-biologico4988


incontro pubblico con

Giuseppe Remuzzi, Silvia Salardi e Giangiacomo Schiavi

organizzato dalla Associazione Accanto Onlus

Venerdì 17 febbraio, ore 21

Biblioteca comunale di Como

P.zza V. Lucati 1

 

Poter scegliere di morire senza soffrire e con dignità. Un tema eticamente sensibile e sempre più d’attualità quello che riguarda le decisioni sul fine vita, tanto che il dibattito è al centro dell’attenzione anche in Italia, dove è in discussione al Parlamento il provvedimento sul testamento biologico.

Per questo – per far conoscere l’idea del testamento biologico, dei suoi possibili contenuti, delle sue motivazioni soggettive – l’Associazione Accanto Onlus–Amici dell’Hospice San Martino di Como organizza, con il patrocinio del Comune di Como, l’incontro aperto al pubblico “La scelta finale – Riflessioni attorno al testamento biologico“, che si terrà venerdì 17 febbraio alle 21 presso la Biblioteca Comunale di Como.

Interverranno il professor Giuseppe Remuzzi,  direttore dell’U.O. di Nefrologia e Dialisi dell’Ospedale di Bergamo e coordinatore all’Istituto Mario Negri di Bergamo e la professoressa Silvia Salardi, ricercatrice di Filosofia del diritto e docente di Bioetica all’Università degli Studi di Milano-Bicocca. Moderatore sarà Giangiacomo Schiavi, giornalista, scrittore ed editorialista del Corriere della Sera, molto impegnato sui temi sociali e particolarmente sensibile all’argomento del testamento biologico.

Introdurrà l’incontro Gisella Introzzi, presidente di Accanto onlus.  Associazione che, da oltre 10 anni, si occupa di contribuire alla diffusione della cultura e della pratica delle Cure Palliative, il cui scopo è quello di offrire le migliori condizioni possibili in ogni momento della vita, fino alla fine.

Controllare il dolore, fornire sostegno materiale, psicologico, spirituale e relazionale in risposta ai bisogni di ciascuno, sono componenti che concorrono a salvaguardare in ogni condizione la dignità della vita. Ogni persona ha il diritto di non essere lasciata sola nel dolore e di poter decidere come arrivare alla scelta ultima che la riguarda. Ed è proprio l’impegno per la difesa della dignità della vita fino al suo limite naturale che ci ha spinto a organizzare un incontro sul tema del testamento biologico”, commenta Gisella Introzzi, presidente dell’Associazione Accanto Onlus – Amici dell’Hospice San Martino di Como.

Sottoscrivere un testamento biologico significa decidere, in un momento in cui si è ancora capaci di intendere e volere, quali trattamenti sanitari si intenderanno accettare o rifiutare nel momento in cui subentrerà un’incapacità mentale.

Si vorrebbe morire con dignità e poter scegliere, almeno un po’, come morire; idealmente a casa, nel nostro letto e poter almeno salutare i nostri cari dopo una vita insieme. Non è così quasi mai. Nelle settimane o nei mesi che precedono la morte ti privano di tutto, inclusi relazioni e affetti che hai passato una vita a costruire e senza che nessuno ti chieda nemmeno un parere. Dall’oggi al domani non decidi più niente, sei vulnerabile, afflitto da una serie di disagi cui non avresti mai pensato di dover far fronte quando stavi bene”, spiega Giuseppe Remuzzi.

Il titolo del suo intervento sarà “Come vorremmo morire (e come invece ci costringono a morire)”.

Elaborare regole in questa materia richiede il non facile compito di riuscire a bilanciare i vari diritti, doveri e responsabilità che riguardano i soggetti coinvolti.

Affinché i cittadini possano comprendere gli aspetti cruciali della discussione in questa delicata materia vanno chiariti alcuni presupposti, utili a sgombrare il campo da grossolani fraintendimenti che tuttora generano confusione e sono utilizzati ideologicamente a livello politico. Il chiarimento passa attraverso l’esplicitazione di tre presupposti chiave in materia di volontà anticipate sulle cure, ovvero il ruolo del principio di autonomia, la pianificazione anticipata delle cure e il ruolo del diritto nelle materie bioeticamente rilevanti”, conclude Silvia Salardi.

Il titolo del suo intervento sarà “Volontà anticipate sulle cure: i presupposti per un adeguato intervento legislativo”.

Giangiacomo Schiavi, con la sua grande sensibilità verso il sociale, condurrà l’incontro portando anche il suo bagaglio di esperienze vissute e ascoltate durante la sua lunga carriera di giornalista tra la gente.

Giuseppe Remuzzi

Direttore dell’U.O. di Nefrologia e Dialisi dell’Ospedale di Bergamo, collabora come docente di Nefrologia per diverse università italiane, britanniche e statunitensi. È  stato nominato Professore di Nefrologia per “chiara fama” presso il Dipartimento di Scienze Biomediche e Cliniche dell’Università degli Studi di Milano. E’ membro del Consiglio di Amministrazione dell’Istituto Superiore di Sanità e coordina tutte le attività di ricerca della sede di Bergamo dell’Istituto Mario Negri e del Centro di Ricerche Cliniche per le  Malattie Rare. E’ autore di numerosi libri e pubblicazioni su Riviste Internazionali e collabora con il Corriere della Sera.

Silvia Salardi

Silvia Salardi è ricercatrice di Filosofia del diritto e docente di Bioetica all’Università degli Studi di Milano-Bicocca. Ha pubblicato lavori monografici e numerosi contributi in riviste nazionali e internazionali relativi a diverse tematiche di bioetica e biodiritto. È membro tra gli altri del Comitato per l’Etica di fine vita (CEF) e del comitato scientifico dell’associazione Accanto Onlus

Giangiacomo Schiavi

Giornalista e scrittore, una lunga carriera al Corriere della Sera (è stato capo della Cronaca milanese e successivamente Vice Direttore) ora ne è Editorialista. Nel 2007 vince, per i suoi articoli “sul campo”, l’Ambrogino d’oro, uno dei massimi riconoscimenti conferiti dalla città di Milano.

Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice San Martino (Affiliata alla Federazione Cure Palliative Onlus)

L’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice San Martino di Como è un’associazione di volontariato che opera nell’ambito delle cure palliative con due modalità.

La prima consiste nel concreto supporto alle attività dell’Hospice San Martino, struttura di degenza presente sul territorio comasco dal 2004 che accoglie fino a dieci ospiti in fase avanzata della malattia. Il supporto consiste nella presenza dei propri volontari, appositamente formati, e nel sostegno all’organizzazione di servizi socio-assistenziali per la persona malata e i suoi familiari.

Inoltre Accanto eroga, in collaborazione con i Medici di Medicina Generale e in convenzione con le AST dell’Insubria e della Montagna, servizi di Cure Palliative Domiciliari in tutti i comuni dell’ASST Lariana e dell’ASST Valtellina e Alto Lario, per aiutare i familiari nel difficile compito di assistere il proprio caro nella fase avanzata della malattia.

Accanto offre inoltre un servizio di sostegno psicologico per l’elaborazione del lutto, con incontri rivolti a persone che abbiano perduto un loro caro, ospitati presso la propria sede di Albate.

Nata nel dicembre 2005 per volontà di famigliari, volontari e operatori direttamente interessati o coinvolti nell’esperienza di accompagnamento ai malati con patologie non guaribili, l’Associazione Accanto promuove iniziative e attività di cura, formazione e sensibilizzazione che hanno per oggetto i bisogni e le problematiche di malati oncologici, con AIDS o altre malattie non guaribili.

Per informazioni:

Accanto Onlus – Amici dell’Hospice San Martino

Tel: 031 309135 (ore 9.00 – 13.00)

contatto@accanto-onlus.it

www.accanto-onlus.it

 

 

Segreteria Organizzativa Parolario
ELLECISTUDIO
Piazza del Popolo 14 — 22100 Como
tel 031301037 fax 031299028
info@parolario.it
www.parolario.it
https://www.facebook.com/Parolario
https://twitter.com/Parolario

accanto


1 commento

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Classificazione degli argomenti

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 3.485 follower

Follow MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI on WordPress.com

Articoli Recenti

Archivi

Statistiche del Blog

  • 1,521,788 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: