MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI

Home » A-Attesa Collocazione » MERCATO DEL LAVORO NEWS – n.12 2017, a cura della Fondazione Anna Kuliscioff

MERCATO DEL LAVORO NEWS – n.12 2017, a cura della Fondazione Anna Kuliscioff

unnamedMERCATO DEL LAVORO NEWS – n.12

 

Osservatorio ISTAT sull’occupazione: dati Marzo 2017.

Il dato “ambientale” conferma la tendenza degli ultimi mesi: l’occupazione cresce dello 0,2% nel trimestre gennaio-febbraio rispetto a quello precedente, e su base annua dello 0,9%.

Vale la pena estrarre alcuni dati che segnalano fenomeni particolari e interessanti.

 

Primo: l’occupazione a tempo indeterminato cresce più di quella a termine: nel mese di marzo i nuovi contratti permanenti sono risultati essere circa 41.000, contro 22.000 a termine. Tendenza che conferma, accelerandola, quella riscontrabile nel periodo più lungo cioè gennaio – marzo 2017 rispetto a ottobre – dicembre 2016: + 40.000 i contratti definitivi e +33.000 quelli a termine. Su base annua (marzo 2017 su marzo 2016) i nuovi contratti a tempo indeterminato sono 143.000 e quelli a termine 167.000. Segno che nell’ultima parte dei 12 mesi le aziende hanno progressivamente cominciato a preferire i contratti a tempo indeterminato a quelli a termine. Il che ha un riscontro nel fatto che nel mese di Aprile l’indice di fiducia delle imprese sale da 105,1 a 107,4.

 

Secondo: nel periodo gennaio-marzo alla crescita degli occupati si accompagna un calo dei disoccupati (-1,2%, pari a -38 mila) e degli inattivi (-0,2%, pari a -32 mila). E’ la prima volta da molto tempo che i tre parametri sono concordi nell’indicare una crescita globale del mercato del lavoro: aumentano gli occupati, aumentano le persone che cercano lavoro, diminuiscono quelli che non lo trovano.

 

Comunque il dato che ha più colpito i media è che, sorprendentemente, aumenta l’occupazione tra i giovani e scende tra le classi di età più anziane, in un’improvvisa inversione di marcia rispetto al passato più recente; però è opportuno leggere questo dato al netto dell’effetto demografico (passaggio di singoli individui da una fascia d’età ad un’altra): nella fascia tra 15 e 34 anni l’occupazione osservata cresce di 1,2%, ma poichè la popolazione di questa fascia diminuisce, l’incremento reale è del 2,1%, nella fascia 35 – 49 si registra un -1,2%, che però al netto dell’effetto demografico diventa +0,8%; tra gli ultracinquantenni, al contrario, l’occupazione sale del 3,1%,  ma  la   crescita   della   popolazione  di questa fascia riduce il dato a +1,1%. Si tratta comunque, è opportuno notarlo, di una novità importante: l’occupazione reale cresce in tutte le fasce d’età.

In conclusione: è la prima volta nel dopocrisi che il mercato del lavoro presenta dati positivi, anche se non clamorosi, in tutti gli indicatori.


Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Classificazione degli argomenti

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 3.720 follower

Follow MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI on WordPress.com

Articoli Recenti

Archivi

Statistiche del Blog

  • 1,653,111 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: