campi di prigionia per gay in CECENIA portano sotto i riflettori il regime del DITTATORE Ramzan Kadyrov. – il Tascabile

 

La scoperta di campi di prigionia per gay in Cecenia ha riportato sotto i riflettori il regime del dittatore Ramzan Kadyrov: un’inchiesta di Novaja Gazeta ha esposto un numero di “prigioni segrete” che ospitano non solo chi è accusato di “orientamenti sessuali non tradizionali”, ma anche sospettati di estremismo e spacciatori. Attraverso un culto della personalità di stampo sovietico-mafioso, Kadyrov ha fatto della sua persona il modello per ogni campo della vita sociale e privata, dalla politica, alla religione, alla famiglia. In questo sistema, essere gay è un’infamia, uno stigma sociale, di fatto un reato. Nessuno lo dichiarerebbe alle autorità, nemmeno dopo esser stato torturato.

Sorgente: La repressione degli azzurri – il Tascabile

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.