Politica delle migrazioni

Cosa sono gli hotspot, in Caizzi e Galluzzo, CdS, 26 giugno 2018

Gli hotspot sono strutture allestite per identificare, registrare e raccogliere le impronte digitali dei migranti. In Europa se ne parla almeno da tre anni, anche se non si sono mai creati dei centri integrati con personale europeo e nazionale e soprattutto non sono mai stati finanziati dall’Ue.

Ora l’Italia chiede che vengano allestiti, con finanziamenti comunitari, nei Paesi di origine dei migranti o nei Paesi di transito, come Libia, Tunisia o Egitto.

Francia e Spagna invece sono a favore di centri hotspot in territorio europeo. I Paesi di Visegrád ne vorrebbero creare almeno un paio nei Balcani.

I migranti dovrebbero essere trattenuti negli hotspot fino alla conclusione di tutte le operazioni di identificazione .

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.