Democrazie in affanno, le dittature (Russia, Cina …) ci minacciano. L’analisi di Maurizio Molinari per capire i pericoli in arrivo. In: La Stampa 17 marzo 2019

Per comprendere il perché dei timori di Washington e di altri partner Nato sul memorandum d’intesa Italia-Cina, sulla riduzione del nostro impegno sugli F-35, sull’ambiguità nei confronti del Venezuela chavista e sulla narrativa antieuropea della coalizione gialloverde bisogna tenere presente che l’Italia è diventata l’anello debole di un Occidente in difficoltà davanti a due rivali strategici divenuti temibili: Cina e Russia. Dal crollo del Muro di Berlino nel 1989 Pechino e Mosca non sono mai stati così in crescita. Nel caso della Cina si tratta di una crescita soprattutto economica che consente di gareggiare testa a testa con Washington per la leadership sul pil globale disponendo al tempo stesso di un formidabile progetto di infrastrutture per estendere la propria influenza all’Euroasia e di una tecnologia – il 5G – capace di cambiare il modo in cui comunichiamo.
Se a tutto ciò aggiungiamo un apparato di intelligence che supera il milione di effettivi – il più numeroso al mondo – non è difficile arrivare alla conclusione che Pechino sia oggi portatrice di una sfida molto efficace all’Occidente perché punta a spostare il baricentro dello sviluppo del Pianeta dalla dorsale New York-Londra alla macroregione Pechino-Shanghai. Nel caso della Russia la crescita invece è in primo luogo strategica perché la leadership di Vladimir Putin, sostenuta dal contributo del consigliere per la sicurezza nazionale Nikholai Patrushev, consente a Mosca di adoperare con grande efficacia ciò che resta del suo arsenale della Guerra Fredda per tornare protagonista in Medio Oriente ed in Africa con interventi di tipo tradizionale – soldati, armamenti e intelligence – mentre in Europa dell’Est si è fatta largo imponendosi in Crimea e Donbass come protettrice dei russofoni e in Occidente è protagonista di operazioni cyber molto sofisticate capaci di generare instabilità interna nei partner delle alleanze occidentali

VAI ALL’INTERO ARTICOLO

Informazione Corretta

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.