L’antipatico. Bettino Craxi e la Grande coalizione di Claudio Martelli (La nave di Teseo), 2020

L’antipatico. Bettino Craxi e la Grande coalizione di Claudio Martelli (La nave di Teseo). Cesare Zapperi sul Corriere della Sera: «“Bettino Craxi era antipatico perché incarnava la politica in un’epoca di crollo delle ideologie e di avversione ai partiti. Perché non temeva né di macchiarsi di una colpa né di affrontare l’odio. Perché era alto e grosso, ribelle e autoritario”. Claudio Martelli lo conosceva bene. Del leader socialista morto vent’anni fa a Hammamet è stato il delfino, il vicesegretario, l’amico e consigliere fidato per tanti anni. E, anche se nel vortice degli scandali e nel crollo di consensi fino alla quasi scomparsa del Psi i rapporti umani tra i due un po’ si guastarono, l’ex ministro della Giustizia, che ora scrive libri e corsivi per i quotidiani, resta uno dei più informati e autorevoli testimoni della stagione craxiana. Martelli ci offre un “ritratto inedito dell’uomo politico e dell’amico intimo” nel suo saggio. […] Non è una biografia ma una articolata analisi, vista dal di dentro ma con il distacco del tempo trascorso, del percorso politico di Craxi e della sua caduta. Su questa, in particolare, Martelli si distacca dalla storiografia dominante per dipingere il leader del Psi non come vittima di Mani pulite e della corruzione (anche se nei confronti dei magistrati la condanna è durissima), ma di un “quarto partito”: “Il partito internazionale degli affari, segnatamente quello inglese e americano”. Craxi, secondo il vecchio sodale, andava eliminato “non perché era il più corrotto, ma perché era il perno degli equilibri politici”. Martelli nel titolo del libro parla di “grande coalizione”. È quella che sfrutta il divorzio tra Banca d’Italia e Tesoro e beneficia delle liberalizzazioni e delle privatizzazioni per un vero e proprio assalto alla diligenza svendendo a prezzi da saldo “le maggiori banche e non poche delle più grandi e medie aziende pubbliche”. Craxi pagò anche i suoi errori politici. Nel ’92 “arrivò agli appuntamenti decisivi in condizioni di grande debolezza”, scrive Martelli, per le inchieste che colpivano i socialisti e perché il segretario aveva coltivato “come unica opzione l’alleanza con la Dc”, che, sottolinea il suo ex vice, “di riportare Craxi alla guida del governo non aveva alcuna voglia”. La guerra scoppiò con De Mita, ma anche Forlani ruppe l’asse. E lo stesso tentativo, pur tardivo, di allacciare i rapporti con il Pds portando gli ex comunisti nel Pse fallì perché D’Alema, accusa Martelli, gli assestò “il morso dello scorpione”. Infine, il drammatico epilogo, tra le condanne, la demonizzazione, il ritiro a Hammamet. Martelli mette all’indice politici e giornalisti. E a sorpresa salva solo Bossi, che disse: “I re non si mandano in galera: o la ghigliottina o l’esilio”».

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.