Arcipelago N., Variazioni sul narcisismo, di Vittorio Lingiardi (Einaudi). Danilo di Diodoro sul Corriere della Sera

Arcipelago N. Variazioni sul narcisismo di Vittorio Lingiardi (Einaudi). Danilo di Diodoro sul Corriere della Sera:

«Di solito la parola “narcisismo” è usata per riferirsi a una persona che gli altri giudicano troppo concentrata su se stessa. Il termine ha quasi sempre un significato tendenzialmente negativo. […] Eppure, se si prende in considerazione il narcisismo da un punto di vista psicologico e non secondo il senso comune, non sempre le cose stanno così. “Si tratta pur sempre di un termine che Freud prende a prestito da un mito sventurato che parla di amore e morte”, dice Vittorio Lingiardi, psichiatra e psicoanalista, professore di Psicologia dinamica alla Sapienza, Università di Roma, e autore di un saggio intitolato Arcipelago N. Variazioni sul narcisismo. […] “Ma c’è anche un narcisismo sano, che, in alcuni casi di sottovalutazione di sé stessi e delle proprie capacità, deve invece essere valorizzato”. Insomma, a fronte di tante persone che si guardano troppo allo specchio ce ne sono alcune che non ci si guardano mai. “Riferendosi a queste ultime, lo psicoanalista inglese Christopher Bollas ha addirittura coniato l’espressione ‘antinarcisista’, per descrivere chi coltiva un narcisismo negativo, che si oppone alla realizzazione di sé”, aggiunge Lingiardi. “Il narcisismo sano lo definirei come la capacità di regolare l’autostima riconoscendo sia i propri limiti sia il proprio valore, con l’aggiunta di un’equilibrata soddisfazione per le proprie caratteristiche, fisiche o mentali, e della capacità di godere dei propri successi. Una specie di gioia di sé che ci sostiene senza farci cadere in dinamiche di rivalità invidiosa. Una condizione che si realizza quando l’attenzione degli altri e la considerazione che hanno di noi, che certo contano molto, non diventano però la nostra unica preoccupazione o fonte di autovalutazione. È l’equilibrio tra il bisogno di riconoscimento e la capacità di farne a meno. In altre parole, un amor proprio senza presunzione”. In realtà quello del narcisismo è un continuum, non c’è un limite netto tra narcisismo sano e patologico. […] “Narciso è un funambolo che cammina su una corda tesa tra un sano amor proprio e la sua patologica celebrazione. Tra questi estremi esiste un narcisismo della vita quotidiana, sicuramente condizionato dal contesto culturale e sociale e decisamente in crescita. La diagnosi di personalità narcisistica ha molte sfumature, ma è soprattutto nello stile relazionale di un individuo che cogliamo la sua dimensione narcisistica”».

Un commento

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.