dibattito parlamentare: Il suicidio assistito apre un altro scontro nella maggioranza, di Serena Riformato, in Domani, 7 mag 2021

Nell’ottobre 2018, la Consulta, chiamata a decidere sul caso Dj Fabo-Cappato, aveva lasciato alle camere un anno di tempo per compensare il vuoto legislativo sul tema dell’aiuto al suicidio. Scaduto il termine senza che il legislatore fosse intervenuto – all’epoca, la maggioranza Lega-Movimento 5 stelle – a novembre 2019, la Corte costituzionale, con una sentenza storica, ha stabilito che l’aiuto al suicidio non è punibile, dal punto di vista penale, in presenza di quattro condizioni: il trattamento deve riguardare una persona tenuta in vita «da trattamenti di sostegno vitale» (per esempio, l’idratazione e l’alimentazione artificiale), «affetta da una patologia irreversibile», «fonte di intollerabili sofferenze fisiche o psicologiche», ma che sia ancora «pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli».

Il testo base presentato da Partito democratico e Movimento 5 stelle ripete – con la stessa terminologia – le indicazioni della Consulta

per l’intero articolo vai a

Il suicidio assistito apre un altro scontro nella maggioranza

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.