All’ultimo passo

lescritteriate

Non voglio crepare”.

Non mi aveva nemmeno salutato, Roberto, dopo l’annuncio della madre: “C’è la dottoressa”.

Sappia che ho chiesto di lei e non del prete perchépreferisco una strizzacervelli alle panzane ridicole di chi sa solo blaterare di un essere supremo che ti mette alla prova. Peccato che io non voglia crepare. Non sono pronto. Come scrive un suo collega?Essere di fronte alla morte è come cercare di fissare il sole’: ecco, io proprio non ci riesco”.

Mi avevano colpito il suo riferimento a Irvin Yalom e i numerosi libri che giacevano sul comodino, esplicitamente riferiti alla morte e al morire. Le sue parole inoltre rimbalzavano nella mia memoria riportando alla luce la stessa attonita rabbia dei versi di Boris Vian: “Crepare? “Non puoi, come faccio? (Come si fa?)”.

Beh,

View original post 1.291 altre parole

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.