MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI

Home » GEOPOLITICA » Islamismo e terrorismo islamista » GIOVANNI SARTORI, Pluralismo multiculturalismo ed estranei, Rizzoli 2000, scheda di PAOLO FERRARIO, 2007

GIOVANNI SARTORI, Pluralismo multiculturalismo ed estranei, Rizzoli 2000, scheda di PAOLO FERRARIO, 2007

C’è una frase carpita da un film in linea con la riflessione sul Carpe diem:
“ Vediamo di superare la prossima ora“, detto a proposito di conflitti coniugali o amicali.


Oggi (1 gennaio 2007) la sincronicità mi faceva girare per la testa questa frase: “Abbiamo un problema”.


Certo: di problemi ne abbiamo più di uno. Per esempio oggi era una giornata molto primaverile. Solo che siamo al 19 gennaio. Credo che sia proprio un problema.
Questa premessa che vorrebbe essere ironica (non ho stile per l’ironia, lo so, scusa caro lettore!) è per introdurre una coda al saggio spesso e tosto di Lee Harris evocato ieri.
Abbiamo un problema non della prossima ora, ma dei prossimi trent’anni.
Il problema è che il nostro “quanto siamo buoni”, “quanto siamo razionali”, “quanto siamo etici”,  ha a che fare ed avrà a che fare a lungo e con qualche sofferenza fisica intermedia con lo spirito di conquista del fanatismo di cultura islamica. Ogni giorno, ogni settimana, ogni anno sempre di più. Non torno alle più durature e convincenti argomentazioni di Lee Harris
Il problema, all’osso, è questo: il nostro pensiero critico di matrice illuminista, colorato di solidarismo cattolico, ci fa credere che siamo noi a non volere l’integrazione dei migranti (non di tutti i migranti, ma di di questi migranti, soprattutto i più colti ed istruiti).
In realtà le cose stanno diversamente: sono questi altri a non volere l’integrazione.
Il pensiero di Lee Harris è spesso e tosto. Ma è uno yankee. 
Allora vediamo Giovanni Sartori, che è di Firenze, è un liberale da anni ’50 e che, se non è spesso e tosto, è sicuramente colto e brillante:

“i nuovi venuti che oggi entrano in Europa entrano in un contesto diversissimo da quello degli immigrati che hanno creato la nazione americana.


Gli Stati Uniti non sono nati come una nazione che ha accolto e assorbito altre nazioni: sono costitutivamente una “nazione di nazionalità”.


Invece gli Stati europei sono oggi nazioni costituite (sia pure con qualche frangia non assimilata come i Fiamminghi, o anche vieppiù ribelle, come i Baschi) che si stanno imbattendo in contro-nazionalità, in immigrazioni sempre più massicce che ne negano l’identità nazionale.


E quindi il precedente americano non ci aiuta ad affrontare il problema.


Gli europei (dell’Ovest) sono preoccupati, si sentono invasi e stanno diventando reattivi.


Razzismo? È un’accusa sbrigativa, superficiale, che generalizza troppo, e che rischia di essere altamente controproducente. Chi viene denunziato come razzista senza esserlo si infuria, e magari finisce per diventarlo davvero. Non dobbiamo generalizzare, ma invece precisare.

Lo spettro delle reazioni ai nuovi venuti è vario e complesso. molti casi la reazione è soprattutto difesa del posto di lavoro e del salario. È eminentemente il problema posto dagli immigrati dall’Est (europeo). 

Poi vengon casi di xeno-paura: un sentirsi insicuri e potenzialmente minacciati. 

Infine ci imbattiamo in reazioni di rigetto (xenofobia). Ed è solo a quel punto e da quel punto che ci imbattiamo in un vero e proprio razzismo.


In concreto, oggi in Europa la xenofobia si concentra sugli immigranti africani e islamici.


È tutta e soltanto da spiegare come un rigetto di tipo razziale? Sicuramente no.


In termini etnici gli asiatici (cinesi, giapponesi, coreani etc.) non sono meno diversi dai bianchi di quanto lo siano gli africani. E nemmeno gli indiani (che provengono dall’India) sono “come noi”: non lo sono per niente. Eppure né gli asiatici né gli indiani suscitano, di solito, reazioni di rigetto, nemmeno dove sono oramai numerosi (gli asiatici negli Stati Uniti, gli indiani in Inghilterra). Vale anche notare che gli asiatici non si lasciano assimilare più di quanto accada agli africani.


Dal che si deve ricavare che la xenofobia europea si concentra sugli africani e sugli arabi soprattutto se e quando sono islamici. Cioè a dire, si tratta soprattutto di una reazione di rigetto culturale-religiosa. La cultura asiatica è anch’essa lontanissima da quella occidentale, ma è pur sempre laica nel senso che non e caratterizzata da nessun fanatismo o comunque militanza religiosa.


Invece la cultura islamica lo è. E anche quando non c’è fanatismo, resta che la visione del mondo islamica è teocratica e che non accoglie la separazione tra Stato e Chiesa, tra politica e religione. Che è invece la separazione sulla quale si fonda oggi – in modo davvero costitutivo – la città occidentale. Del pari, la legge coranica non conosce i diritti dell’uomo (della persona) come diritti individuali universali e inviolabili; un altro cardine, soggiungo, della civiltà liberale.


E questi sono i veri nodi del problema. L’occidentale non vede l’islamico come un “infedele”. Ma per l’islamico l’occidentale lo è.
Excusez du peu, scusate se è poco.”

Giovanni Sartori, Pluralismo multiculturalismo ed estranei, Rizzoli, 2000 (sic: 2000!), pagg. 48-49


3 commenti

  1. […] da un fondamentalismo ad un altro fondamentalismo)  e uno dei miei “maestri” è giovanni sartori (che vedo glossato nel testo) probabilmente non sono un intellettuale, secondo le categorie […]

    Mi piace

  2. […] è passato da un fondamentalismo ad un altro fondamentalismo)  e uno dei miei “maestri” è giovanni sartori (che vedo glossato nel testo) probabilmente non sono un intellettuale, secondo le categorie […]

    Mi piace

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Classificazione degli argomenti

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 3.720 follower

Follow MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI on WordPress.com

Articoli Recenti

Archivi

Statistiche del Blog

  • 1,653,101 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: