Servizi educativi per l’infanzia: solo per pochi fortunati. I risultati di un’indagine presentata al Cnel

Servizi educativi per l’infanzia: solo per pochi fortunati. I risultati di un’indagine presentata al Cnel Da un’indagine elaborata dal gruppo ”Famiglia e lavoro” della VI Commissione del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro in collaborazione con il gruppo nazionale Nidi Infanzia, emergono i problemi relativi ai costi e alla realizzazione di uno sviluppo sostenibile dei servizi educativi per l’infanzia.L’indagine, presentata questa mattina al Cnel alla presenza del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio per le Politiche per la Famiglia, Carlo Giovanardi, evidenzia come questi servizi siano riservati, nel nostro Paese, solo a una minoranza di bambini (15 per cento circa) con qualche eccezione per alcune Regioni del Centro-Nord (27-28 per cento), rendendo di fatto irraggiungibili, nel 2010, gli obiettivi del Consiglio europeo di Lisbona e Barcellona: arrivare al 33 per cento dell’utenza potenziale

Avvisatore

Blogged with the Flock Browser

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.