A Babele non si parla di affido. Costruzione e gestione dei progetti individualizzati di affidamento familiare di minori, Autori e curatori: Associazione Progetto Famiglia , Fondazione Affido , Gesco , Marco Giordano , Mariano Iavarone ,Carolina Rossi Contributi: Dora Artico, Elena Carotenuto, Paola Cuccurullo, Franca Dente, Marianna Giordano, Gennaro Izzo, Carmela Memoli, Francesca Russo, Leopoldo Spinosa, Mario Terracciano, Donatella Volpe

A Babele non si parla di affido. Costruzione e gestione dei progetti individualizzati di affidamento familiare di minori
Autori e curatori: Associazione Progetto Famiglia Fondazione Affido Gesco Marco Giordano Mariano Iavarone ,Carolina Rossi
Contributi: Dora Artico, Elena Carotenuto, Paola Cuccurullo, Franca Dente, Marianna Giordano, Gennaro Izzo, Carmela Memoli, Francesca Russo, Leopoldo Spinosa, Mario Terracciano, Donatella Volpe
Collana: Politiche e servizi sociali
Argomenti: Politiche e servizi sociali – Infanzia, adolescenza
Livello: Studi, ricerche
Dati: pp. 256,     1a edizione  2011  (Cod.1130.281)
A Babele non si parla di affido. Costruzione e gestione dei progetti individualizzati di affidamento familiare di minori
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 26,00
Disponibilità: Buona
Codice ISBN 13: 9788856833881
Tipologia: E-book
Prezzo: € 21,00
Possibilità di stampa: No
Possibilità di copia: No
Possibilità di annotazione: Si
Portabilità: Si
Ottimizzazione: per PC, Mac, NoteBook, NetBook
Codice ISBN 13: 9788856842319
Formato: PDF per Digital Editions
Dimensione: 2076 KB
Informazioni sugli e-book

Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per provare l'e-book
In breve È possibile promuovere un linguaggio condiviso tra i diversi attori implicati nei percorsi di affido familiare? Partendo da riflessioni generali sul senso della protezione e dell’allontanamento, il testo propone agli operatori un modello di presa in carico incentrato sulla valorizzazione della complementarietà degli approcci, per poter pensare-progettare-fare-valutare quanto si mette in atto in favore di minori che necessitano di esperienze familiari integrative.
Presentazione
del volume:
È possibile promuovere un linguaggio condiviso tra i diversi attori implicati nei percorsi di affido familiare? La “fatica della complessità”, insita nella gestione degli interventi di affido, genera sovente diffidenze e frammentazione: una “babele” in cui si fa fatica a co-progettare e pregiudica la rete di protezione del bambino.
La capacità di governare il progetto di gestione è ciò che determina la qualità di un affido, a partire dalla valutazione preliminare di fattibilità (assessment) e dalla tessitura della rete; essa è la metacompetenza attraverso la quale si attuano, secondo modalità condivise in équipe, i vari interventi specifici. Iniziando con riflessioni generali sul senso della protezione e dell’allontanamento, il testo propone agli operatori un modello di presa in carico incentrato sulla valorizzazione della complementarietà degli approcci per poter pensare-progettare-fare-valutarequanto si mette in atto in favore di bambini che necessitano di esperienze familiari integrative.

Progetto Famiglia (www.progettofamiglia.org) è una federazione di enti no-profit impegnati dal 1991 per la famiglia e i minori. Promuove l’affido familiare in Italia e nell’Europa dell’Est, in collaborazione con enti pubblici, no-profit ed ecclesiastici. Vi aderiscono centinaia di famiglie e volontari, organizzati in numerosi gruppi locali.
Gesco (www.gescosociale.it) è un’agenzia di promozione e sviluppo sociale costituita nel 1991. Riunisce trentaquattro cooperative sociali. Promuove e realizza servizi finalizzati alla qualità della vita ed al superamento del disagio sociale. Con Progetto Famiglia nel 2006 ha promosso la nascita della Fondazione Affido (www.fondazioneaffido.it), con sede a Napoli, per promuovere attività di sensibilizzazione, formazione degli operatori e sperimentazione di interventi innovativi.

Marco Giordano, affidatario, esperto di servizi sociali, vicepresidente della Fondazione Affido, dal 1998 guida la rete di famiglie affidatarie del Progetto Famiglia in Italia e in Ucraina. È coautore di testi sulla solidarietà familiare, tra cui Dove va l’accoglienza familiare dei minori, FrancoAngeli (2009), Costruire reti di vicinanza, Rosso Fisso (2009), Affido: una scelta d’amore, Elledici (2008).
Mariano Iavarone è assistente sociale, consulente familiare e counsellor ad orientamento analitico-transazionale. Membro del Cismai, dal 2000 lavora nel campo dell’affido familiare e del contrasto agli abusi sui minori. Dal 2006 opera nell’équipe Affidi del Progetto Famiglia e dal 2010 è direttore della Fondazione Affido. È animatore di un gruppo di famiglie solidali in provincia di Napoli.
Carolina Rossi è psicologa e psicoterapeuta relazionale ad indirizzo sistemico-familiare, mediatore familiare, esperta in affido familiare. Dal 2002 coordina l’équipe Affidi del Progetto Famiglia. Formatrice di operatori sociali e famiglie affidatarie, coordina la Banca Dati degli affidatari promossa dalla Fondazione Affido. Cura la rubrica Mondo adolescenza sulla rivista “Punto Famiglia”.

Indice:
Franca Dente, Presentazione
Marco Giordano, Mariano Iavarone, Carolina Rossi, Introduzione
Parte I. Orientamenti
Mariano Iavarone, Se non ragioniamo in termini progettuali non stiamo facendo affido
(L’emergenza progettuale; Influenza delle carenze politico-organizzative sul fallimento degli affidi; Il progetto di affido nei riferimenti normativi; Alla ricerca di un significato di senso: a cosa serve un affido?; Alla ricerca di strategie di governance; Tra autoreferenzialità e capacità di affidarsi: chi governa il processo?)
Marco Giordano, L’integrazione tra i servizi affido pubblici e le reti di famiglie affidatarie
(La babele nella rete inter-istituzionale; Una buona base di partenza; Non solo “servizi”. Specificità della rete nell’affidamento; Per parlare la stessa lingua; Uno per tutti e tutti per uno. Le responsabilità reciproche tra servizi ed associazionismo; Pensare il cammino comune; Una rete più promozional-preventiva che specialistico-riparativa; Una rete tra persone; Esigibilità del diritto alla famiglia; Definire le responsabilità per favorire il confronto sui ruoli operativi)
Elena Carotenuto, Mariano Iavarone, La sfida della prospettiva comunitaria per le istituzioni coinvolte nell’affido
(Premessa; Necessità del lavoro di rete aldilà del lavoro in rete; Fare incontrare ed integrare le competenze: il case-management; Implicazioni operative dell’approccio comunitario all’affido; Il ruolo delle istituzioni coinvolte nell’affido familiare)
Marianna Giordano, Il significato dell’allontanamento nel processo di protezione del minore e della “cura sociale” della famiglia di origine
(La protezione del bambino è un tema conflittuale; I significati protettivi della separazione; Le funzioni dell’allontanamento; Il contesto coatto; Tipologie di collocazione fuori dalla famiglia; L’allontanamento ed il progetto di cura; L’équipe)
Mariano Iavarone, Carolina Rossi, L’assessment e lo studio di fattibilità nell’intervento di affido. Implicazioni psicologiche e metodologiche
(La valutazione iniziale dell’intervento è parte integrante del progetto di affido; Tenere conto del carico psicologico e sociale dei principali soggetti in causa; Proteggere la qualità delle relazioni nei processi di affidamento del bambino e nei percorsi di sostegno ed accompagnamento alla famiglia di origine; Lo studio della richiesta di affidamento rapportato alla prognosi di rientro: la valutazione della genitorialità come criterio tecnico di fattibilità di un affido; L’abbinamento minore-famiglia affidataria: ad ogni bambino quale famiglia?)
Marco Giordano, Mariano Iavarone, Francesca Russo, Quando e perché preferire l’affido o la comunità
(Premessa; Le diverse forme di affidamento familiare; Il ruolo delle comunità educative fra bisogno di cura e desiderio di autonomia; Riflessioni per la ricerca di criteri orientativi; Conclusioni)
Parte II. Strumenti
Mariano Iavarone, Stesura del progetto di affido e del provvedimento amministrativo
(Natura contrattuale, fasi e temporaneità del progetto di affido; Il modello di lavoro del Progetto Famiglia-Affido; La fase del pre-abbinamento; La fase dell’abbinamento; La fase del contratto. Elaborazione del piano operativo ed individuazione dei ruoli per la sua realizzazione; La fase di preparazione dei soggetti; La fase di redazione degli atti amministrativi; La fase di accoglienza nella famiglia affidataria; Le verifiche in itinere; La verifica finale e l’inizio del post-affido; Modulistica)
Leopoldo Spinosa, La fase del pre-affido: la preparazione del bambino e l’avvicinamento tra le famiglie
(Chi è il bambino affidato; Tra protezione e senso di colpa: cosa ne sa il bambino del suo allontanamento e chi lo ha deciso?; La preparazione del bambino: “per un periodo avrai due famiglie!”; L’ascolto del bambino: “Almeno li voglio conoscere per vedere se sono buoni o cattivi”; L’avvicinamento tra la famiglia di origine e la famiglia affidataria. La creazione dell'”alleanza per la genitorialità” è sempre possibile?; Il saluto alla famiglia di origine e l’accoglienza nella famiglia affidataria: la preparazione del ponte tra il vecchio conosciuto ed il nuovo sconosciuto; Una buona prassi di avvicinamento)
Carolina Rossi, Mario Terracciano, Ingresso del bambino in famiglia e gestione delle fasi critiche
(La conoscenza dei bisogni del bambino da parte degli affidatari; Il monitoraggio iniziale ed in itinere dell’inserimento; “Io ti guardo, tu mi guardi”: i tempi dell’avvicinamento e della conoscenza. Le prime modalità relazionali del bambino e della famiglia affidataria; Dinamiche relazionali, emozionali e rappresentazioni mentali del sistema familiare di accoglienza; Il sostegno alla famiglia affidataria prima, durante e dopo l’affido)
Dora Artiaco, Marianna Giordano, “Offrire una stella a chi non è nato sotto una buona stella”. Il lavoro con la famiglia di origine durante il progetto di affido
(Premesse teoriche; La letteratura sugli interventi precoci di sostegno alla genitorialità; La letteratura sugli interventi di riparazione della genitorialità; Il lavoro di sostegno alla genitorialità vulnerabile; Tra intervento precoce di sostegno alla genitorialità e tutela del bambino; Il progetto Ce.S.T.A. – Centro Sostegno e Tutela dell’Affido)
Paola Cuccurullo, Gennaro Izzo, Criteri per il monitoraggio e la valutazione in itinere del progetto di affido
(Premessa; Specificità e criticità nella valutazione dell’affido familiare; Possibili dimensioni qualitative, indicatori e strumenti di valutazione… nonché esiti)
Marco Giordano, Mariano Iavarone, Carolina Rossi, La conclusione dell’affido: possibili esiti e proposte operative per evitare affidi mal-trattati
(Il rientro del bambino in famiglia; Le possibili evoluzioni dell’impossibilità del rientro; Il rischio di un facile varco tra affido e adorazione; Affidi “ad esito incerto”. Necessità di potenziare i servizi per la valutazione delle capacità genitoriali e per la valutazione degli affidatari; Ridurre la durata degli affidamenti a rischio giuridico; Promuovere affidi a lungo termine “consapevoli”; Il caso di Andrea. Storia di un affido mal-trattato)
Marco Giordano, Carmela Memoli, La promozione della solidarietà comunitaria quale strumento per la prevenzione primaria del disagio familiare. L’esperienza dell’Associazione Progetto Famiglia-Affido
(Che cosa si fa per le famiglie di origine? Alcuni indicatori; La difficoltà nel rapporto tra la famiglia affidataria e la famiglia di origine; Ripensare l’accoglienza. Non aiutare ma incontrare; Ripensare l’accoglienza. Non fare i “salvatori” ; Ripensare l’accoglienza. Essere “famiglie comunitarie” ; Ripensare l’accoglienza. Essere “famiglie bisognose”)
Donatella Volpe, Riflessioni per nuove sperimentazioni nell’affido familiare
(Come promuovere personalità, potenzialità e talenti: il coaching applicato alla formazione degli affidatari; Il sostegno a partire dalla conoscenza della rete; La forza del gruppo: “come rattoppare il cuore e ricomporre lo spirito”. Gli atelier di formazione permanente per famiglie solidali e affidatarie; “Conosci te stesso”. La famiglia affidataria dotata della più importante caratteristica: l’intelligenza emotiva; “Ai bambini non promettere e ai santi non fare voti”: il laboratorio di intelligenza emotiva dedicato ai grandi assenti; La costruzione del gruppo di lavoro basato sul compito: la facilitazione del lavoro di rete dei Gruppi Integrati di Lavoro Socio Sanitari)
Appendice. Estratto del 2° Rapporto supplementare alle Nazioni Unite sul monitoraggio della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia
Bibliografia
Gli autori.

da: A Babele non si parla di affido. Costruzione e gestione dei progetti individualizzati di affidamento familiare di minori.

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.