Insulti, minacce e paura: la dura vita di quelli del Sì accerchiati in casa loro- LASTAMPA.it

sul localismo:

l’italietta dei vicini di casa cattivi

PFerrario

—————————————————

Pochi giorni fa un bambino delle elementari è tornato a casa piangendo, perché un suo compagno lo tormentava con questa cantilena: «Tuo padre è un mafioso… Tuo padre è un mafioso…». Il presidente dell’Ascom della Val di Susa da una settimana non rilascia dichiarazioni: «Purtroppo non ci sono più le condizioni di sicurezza per farlo, il nostro negozio ha la porta sulla strada». Il figlio del sindaco di Chiomonte, Renzo Pinard, va in giro scortato perché ha ricevuto minacce da altri ragazzi: «Dobbiamo spiegarti un po’ di cose a proposito del treno…».

Non è facile essere favorevoli alla Tav in Valle di Susa

vai a: Insulti, minacce e paura La dura vita di quelli del Sì accerchiati in casa loro- LASTAMPA.it.

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.