Mario Calabresi e il film ROMANZO DI UNA STRAGE di Marco Tullio Giordana – stralci da un articolo di Aldo Cazzullo in Corriere.it

Sul film ROMANZO DI UNA STRAGE di Marco Tullio Giordana considero le parole di Mario Calabresi definitive, sicuramente sul piano biografico, ma anche su quello storico.

Su quanto dice Luca Sofri (figlio di quell’Adriano Sofri che dirigeva allora il quotidiano Lotta continua, che organizzò il massacro di immagine del commissario Calabresi) sul Foglio di oggi stendo un velo pietoso, richiamando le parole di Dante Alighieri:

Fama di loro il mondo esser non lassa;

misericordia e giustizia li sdegna:

non ragioniam di lor, ma guarda e passa

Da:  Dante Alighieri, Divina Commedia, Inferno, Canto III, 51

Paolo Ferrario

—————————————————————————-

Mario Calabresi, primogenito di Luigi Calabresi e di Gemma Capra, ha 42 anni e dirige la Stampa. Ha scritto la sua storia in un libro, Spingendo la notte più in là, divenuto un long-seller tradotto all’estero.

Mario Calabresi (Fotogramma)Mario Calabresi (Fotogramma)

«È un film importante per ricordare quel che è stata Piazza Fontana. Era necessario un omaggio alla memoria e a tutte le vittime: i morti della strage; Giuseppe Pinelli; mio padre; e l’ultima vittima, la giustizia. Giordana è stato coraggioso, perché è uscito dalla contrapposizione tra mio padre e Pinelli, che in questi quarant’anni c’è sempre stata; per cui se si faceva qualcosa per papà subito si rispondeva “allora perché non Pinelli?”, e se si diceva qualcosa per Pinelli la replica era “allora perché non Calabresi?”.

Il film è sulla linea del presidente Napolitano, che si è impegnato per restituire umanità alle persone, liberandole dalla condizione di simboli, e con questo spirito nel maggio 2009 fece incontrare Licia Pinelli e mia madre.

Romanzo di una strage ha il coraggio della verità storica, che in questo caso coincide con la verità giudiziaria: mostra chiaramente che mio padre non era nella stanza quando Pinelli cadde.

Ma ci sono anche ragioni di perplessità. «I due anni terribili della campagna di Lotta continua contro mio padre non ci sono, se non per qualche vago accenno: una scritta sul muro, i fischi al processo. Ma se nascondi quella campagna, se non metti in scena il clima del tempo, il linciaggio, la disperazione, si fatica a capire perché sia stata condannata Lotta continua.

… Nel film non si vedono la campagna d’odio, i titoli macabri, le lettere minatorie, gli insulti per strada. Mio padre si sentiva seguito, pedinato. Si doveva nascondere. Con mia madre non potevano più andare al ristorante, al cinema lei si sedeva e lui si chiudeva in bagno fino a quando non si spegnevano le luci…».

è convinto che la verità giudiziaria coincida con la verità storica:

Sappiamo che è stata la destra neofascista veneta, conosciamo complicità e depistaggi dei servizi deviati e dell’ufficio Affari riservati, sappiamo che nel Paese esistevano forze favorevoli a una svolta autoritaria. È pericoloso dare l’idea che non si sappia niente.

….

Nel film mio padre difende Pinelli; ma nella realtà l’ha difeso molto di più, ci fu uno scontro durissimo con il questore che gli chiedeva di farlo parlare, mentre mio padre era convinto che Pinelli non c’entrasse con la strage, e potesse semmai fornire informazioni su altre persone».

….

 Ma la frase mancante che ha fatto più male a Gemma Capra è l’ultima. «Il giorno in cui fu ucciso, mio padre uscì di casa ma tornò indietro per cambiare la cravatta — racconta Mario —. Nel film è una scena di goliardia, da vita quotidiana. Mastandrea si toglie la cravatta rosa per metterne una bianca, la Chiatti lo prende in giro, dice che sono orrende tutt’e due. Il vero dialogo fu molto diverso. Mia madre chiese il motivo del ripensamento, visto che entrambe le cravatte gli stavano bene. E mio padre rispose, serio: “Gemma, metto la cravatta bianca perché è il simbolo della mia purezza”. Mamma considera quella frase una sorta di testamento. Sono le ultime parole che le disse suo marito. Con il tempo si è convinta che lui presagisse la morte.

ma purtroppo quelle ultime parole di mio padre non ci sono».


da Calabresi e il film su Piazza Fontana «Sparita la campagna contro papà» – Corriere.it.

PAGINE COLLEGATE:

Un commento

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.