MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI

Home » ANZIANI » Istat: L’Italia è uno dei Paesi più vecchi del mondo, 2013

Istat: L’Italia è uno dei Paesi più vecchi del mondo, 2013

Secondo l’Annuario statistico 2013 dell’Istat gli italiani sono soddisfatti del proprio stato di salute, ma le donne stanno peggio degli uomini. L’Italia è uno dei Paesi più vecchi del mondo.
Il 70,4% degli italiani, secondo l’Istat, ”ha dato un giudizio positivo del proprio stato di salute, rispondendo ‘molto bene’ o ‘bene’ alla domanda ‘Come va in generale la sua salute?”. La percentuale di persone che dichiara di godere di un buono stato di salute è però più elevata tra gli uomini (74,2%) che tra le donne (66,8%). A parita’ di eta’ dunque, sottolinea l’Istat, ”emergono nette le differenze di genere a svantaggio delle donne”. Ovviamente, poi, all’aumentare dell’età decresce la prevalenza di persone che danno un giudizio
positivo sul proprio stato.
La quota di italiani che dichiara di stare bene e’ leggermente piu’ elevata al Nord (71,9%) rispetto al Centro (69,8%) e al Mezzogiorno (68,8%). Tra le Regioni, invece, le situazioni migliori si rilevano a Bolzano (84,8%), Trento (76,2%) e in Lombardia (73,5%). Le situazioni peggiori si registrano invece in
Basilicata e Calabria (64,1%). Inoltre, rispetto al 2012, diminuiscono le persone che si dicono in buona salute sia al centro che al Sud.
Inoltre sottolinea l’Istat che sono le donne ad essere più colpite: ”emerge anche nei dati relativi alla quota di popolazione che soffre almeno di una malattia cronica”:
In particolare il 20% della popolazione ha dichiarato di essere affetto da due o piu’ malattie croniche, con differenze di genere ”molto marcate” a partire dai 45 anni.
Per quanto riguarda invece l’indice di vecchiaia, ci sono 148,6 anziani ogni 100 giovani: siamo secondi in Europa dopo la Germania (155,8%).

Inoltre la maternità è sempre piu’ posticipata e poco piu’ di un figlio a donna: 1,39, in calo rispetto al 2011. La popolazione cresce solo grazie agli immigrati. E ancora, ogni mille matrimoni, 500 falliscono, e il tasso di nuzialita’ e’ tra i piu’ bassi in Europa. Se sul versante sociale non c’e’ da rallegrasi, su quello economico le cose vanno peggio: durante la crisi, 2008-2012, i disoccupati sono aumentati di oltre un milione.

da newsletter – Regioni.it.


1 commento

  1. fausto ha detto:

    I giovani italiani stanno fuggendo all’estero. Ne abbiamo persi per strada un milione da inizio crisi. Pare che non freghi niente a nessuno, ma è una sfida decisiva.

    Mi piace

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Classificazione degli argomenti

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 3.720 follower

Follow MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI on WordPress.com

Articoli Recenti

Archivi

Statistiche del Blog

  • 1,653,170 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: