Marta Maineri, Perché noi che facciamo innovazione in Italia stiamo facendo politica

Cittadini in movimento, che si impegnano per cambiare, che si incontrano per discutere e raccontare e che, a mio parere, stanno facendo politica, almeno se con questa parola, si intende occuparsi del bene di tutti; solo che, lo fanno in un modo assolutamente nuovo.

1) Nessun partito, ma un movimento diffuso che si basa, però, su un sistema valoriale condiviso (più rispetto per l’ambiente, più coesione sociale, più equilibrio economico, più tempo libero, ecc).

2) Nessun ordine dall’alto verso il basso, ma una rete orizzontale. Ogni nodo si muove in autonomia, secondo regole e tempi che gli sono propri, ma comunica e si incontra con altri nodi seguendo temi e proposte che, anche grazie a internet, circolano e crescono (anche se sul far rete si deve lavorare ancora molto).

3) Nessun linguaggio codificato, ma tanti linguaggi diversi che si capiscono su alcuni temi comuni, pur mantenendo le proprie specificità.

4) Nessuna forma di protesta. Non si protesta ma si lavora. Giorno dopo giorno è questa la vera protesta: proposte, azioni, nuovi servizi.

….

tutto l’articolo qui: Perché noi che facciamo innovazione in Italia stiamo facendo politica.

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.