MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI

Home » SALUTE e MALATTIA » Malati cronici » 7° Rapporto CRC sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia, 2014

7° Rapporto CRC sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia, 2014

L’Italia non è un “paese per bambini”.
Necessario un impegno immediato del Governo a investire nell’infanzia.

Presentato oggi il 7° Rapporto CRC sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia, alla presenza del Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti e dell’Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza,Vincenzo Spadafora.

Il Ministro Poletti, nel corso del suo intervento alla Conferenza Stampa, si è impegnato ad identificare alcune raccomandazioni contenute nel Rapporto CRC e a verificare, tra un anno, la loro attuazione. Ha inoltre espresso il proprio apprezzamento nei confronti del lavoro di monitoraggio del Gruppo CRC, sottolineando l’importanza del Rapporto CRC per la pianificazione delle attività di Governo relative all’infanzia e all’adolescenza.

Per il terzo anno consecutivo manca il Piano Nazionale Infanzia, l’Osservatorio infanzia e adolescenza non è ancora stato convocatonon sono ancora stati definiti i LEP (Livelli Essenziali delle prestazioni sociali), permane la difficoltà cronica da parte delle istituzioni di “mettere a sistema” le politiche per i minorenni nel nostro Paese, così come continuano a essere tagliati in modo significativo i fondi dedicati, come è accaduto nell’ultima Legge di Stabilità.

I diritti dei bambini, delle bambine e degli adolescenti in Italia restano fortemente segnati da un contesto di difficoltà economica e povertà e purtroppo la situazione non è migliorata rispetto agli anni scorsi.

Convocazione dell’Osservatorio nazionale Infanzia e Adolescenza, redazione del Piano Nazionale Infanzia e Coordinamento tra istituzioni, agenzie e associazioni che si occupano di infanzia e adolescenza nel nostro Paese, queste alcune delle priorità portate alla luce dal Garante nazionale durante il lancio del 7° Rapporto CRC. Vincenzo Spadafora ha evidenziato quanto l’attività di analisi e di studio del Gruppo CRC porti a delle proposte concrete e fattibili e necessiti un’attenzione maggiore da parte degli interlocutori istituzionali.

Per la prima volta, il Gruppo CRC ha dedicato un approfondimento trasversale sulla condizione dei bambini nella fascia di età tra gli 0 e i 3 anni, ribadendo l’importanza di investire in questi primi anni di vita al fine di garantire lo sviluppo cognitivo, emotivo, sociale dei bambini, con effetti che durano per tutto il corso della vita.

Scarica il Comunicato Stampa.

Continua a leggere l’Editoriale…

A cura del Coordinamento del Gruppo CRC

da “1 In Evidenza/Agg Polser” (21) – pamalteo@gmail.com – Gmail.


Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Classificazione degli argomenti

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 3.820 follower

Follow MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI on WordPress.com

Articoli Recenti

Archivi

Statistiche del Blog

  • 1,669,739 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: