La Camera ha approvato il disegno di riforma costituzionale per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione, già approvato dal Senato il 13 ottobre 2015, 11 gennaio 2016

La Camera ha approvato questo pomeriggio il disegno di riforma costituzionale per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione, già approvato dal Senato il 13 ottobre 2015.

Si chiude così la prima deliberazione del provvedimento, che dovrà essere nuovamente approvato, senza modifiche, da entrambe le Camere in una seconda deliberazione, come previsto dall’articolo 138 della Costituzione.

Trovate qui l’approfondimento del servizio Studi che illustra tutte le misure contenute nel testo: http://bit.ly/Tema_Riforma_Costituzionale

Sorgente: Camera.it – XVII Legislatura – Documenti – Temi dell’Attività parlamentare

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.