STEFANO CECCANTI, Costituzionalità del disegno di legge sulle UNIONI CIVILI, L’Unità 31 dicembre 2016

Il cuore delle obiezioni si concentra sulla presunta confusione che si verrebbe a creare tra l’unione civile (che per la Corte costituzionale deve fondarsi sull’articolo 2 della Costituzione) e la famiglia fondata sul matrimonio (basata sul 29). Non c’è dubbio che la differenza non possa essere solo nominalistica e in questo senso il dibattito ha aiutato a superare rinvii eccessivi agli articoli del codice civile che regolano il matrimonio. Tuttavia il fatto che il fondamento sia diverso (il 2 e non il 29) non significa di per sé che le conseguenze pratiche debbano sempre e comunque essere diverse, ad esempio sulla successione o sulla reversibilità. La Corte, che nella sentenza 494 del 2002, aveva dichiarato che “la Costituzione non giustifica una concezione della famiglia nemica delle persone e dei loro diritti”, parla di ragionevolezza dei trattamenti differenziati che il legislatore è chiamato a valutare: quel richiamo vale sia a rifiutare una secca equiparazione sia ad evitare differenziazioni discriminatorie. In ogni caso sul punto più polemico che esiste davvero nella legge (l’altro, l’utero in affitto, come si è detto non è toccato) la questione del del figlio che si trova già a vivere nella coppia, né la soluzione prevista dal testo, la cosiddetta adozione interna, né altre eventuali sembrano violare la frontiera tra articolo 2 e articolo 29.

tutto l’articolo qui

Sorgente: Unioni civili. Il mio pezzo su L’Unità di oggi | stefanoceccanti

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.