MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI

Home » 2) POLITICHE SOCIALI » ECONOMIA e POLITICA ECONOMICA » Politica fiscale, Finanza pubblica, Bilancio dello Stato » LA LEGGE DI BILANCIO 2017-2019 IN BREVE – Ragioneria Generale dello Stato – Ministero dell’Economia e delle Finanze, 1.3.2017

LA LEGGE DI BILANCIO 2017-2019 IN BREVE – Ragioneria Generale dello Stato – Ministero dell’Economia e delle Finanze, 1.3.2017

La manovra di finanza pubblica, che per il triennio 2017-2019 comprende oltre alle disposizioni della legge di bilancio previste con la sezione I e i rifinanziamenti, definanziamenti e riprogrammazioni contenuti nella sezione II anche gli effetti finanziari del decreto legge 193/2016, è coerente con gli obiettivi programmatici di finanza pubblica, definiti con la Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2016, e la contestuale Relazione al Parlamento. Essa comporta un incremento dell’indebitamento netto di circa 12 miliardi nel 2017, 6,6 miliardi nel 2018 e 2,8 miliardi nel 2019 e un peggioramento del saldo netto da finanziare di 15 miliardi nel 2017, 10,6 miliardi nel 2018 e 6,3 miliardi nel 2019. Gli interventi previsti sono finalizzati alla riduzione della pressione fiscale per le famiglie e le imprese, al rilancio degli investimenti, al rafforzamento del welfare, mediante interventi in ambito previdenziale e disposizioni per il sostegno alle fasce più deboli della popolazione, e al potenziamento del capitale umano.

Per effetto del miglioramento degli andamenti tendenziali e della manovra di finanza pubblica, il quadro generale riassuntivo del bilancio dello Stato presenta un livello del risparmio pubblico pari a circa -15 milioni nel 2017, 17 miliardi nel 2018 e 30 miliardi nel 2019, evidenziando un miglioramento in tutto il triennio di programmazione rispetto sia alla previsione del 2016 che alle risultanze dell’assestato. Il saldo netto da finanziare si attesta a circa 38,6 miliardi nel 2017, risultando sostanzialmente in linea con i livelli della legge di bilancio per il 2016 e dell’assestato dello stesso anno. Negli anni successivi il saldo migliora fino a raggiungere gli 8,6 miliardi nel 2019. Con riferimento ai principali aggregati di spesa, tra il 2016 e il 2017, aumenta il peso degli stanziamenti relativi a “Salute e istruzione”, “Affari economici” e “Fondi da ripartire”, mentre si riducono quelli per gli “Interessi” e i “Servizi istituzionali e generali”.

VAI A:

Sorgente: 2017-2019 – Ragioneria Generale dello Stato – Ministero dell’Economia e delle Finanze


Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Classificazione degli argomenti

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 3.484 follower

Follow MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI on WordPress.com

Articoli Recenti

Archivi

Statistiche del Blog

  • 1,522,734 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: