estratti da una conversazione fra una psicologa e una psichiatra sul film: JOKER, di Todd Phillips, con Joaquin Phoenix, 2019

Il Cinema Racconta ...

1

….   Un film difficile, ma che comunque ci è piaciuto.  Sicuramente,come hai già fatto, andrebbe visto un’ulteriore volta per ricucire alcuni passaggi.

Quello che mi ha lasciato un po’ confusa è la possibile lettura della violenza come mezzo per liberarsi dai soprusi , tradimenti, ingiustizie, ma poi riflettendoci non è così che sono propriamente andate le cose, perchè inizialmente arthur non aveva l’impulso della ribellione violenta: è stato il collega a legittimargliela dandogli la pistola.
In effetti scopri man mano che “cattivi” sono gli altri: chi bullizza, chi mente, chi deride … : Arthur, già rovinato da un disturbo che credeva neurologico e che sublima nell’unico modo possibile  (già impartito dalla madre – happy) è quello di far sorridere davvero, con tutte le difficoltà che la condizione gli impone e con il respingimento degli altri. Man mano si sgretola la sua fragile identità e la malattia non controllata lo porta…

View original post 1.136 altre parole

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.