MUSTACCHI Claudio, L’EDUCAZIONE POETICA, Dalle teorie della narrazione all’esperienza della poesia, Unicopli editore, 2020

dal sito: https://www.supsi.ch/deass/eventi-comunicazioni/news/2020/2020-10-26.html?fbclid=IwAR10QbE-QeZf2_vGLpdqiacAdLI1j_LISJSO8-1jjZXq9p_kfXge6BTaMj0

L’opera, nella sua prima parte, di respiro teoretico, ricostruisce le ragioni della cosiddetta “svolta narrativa”, che ha mutato i paradigmi epistemologici e metodologici delle scienze sociali e pedagogiche, e ne analizza le conseguenze in diversi ambiti disciplinari con particolare attenzione all’educazione sociale e degli adulti.

Si confronta, in seguito, con il pensiero fenomenologico di Paul Ricœur, padre del concetto, tanto diffuso quanto poco compreso, di “identità narrativa”, per mostrare come al cuore di questa nozione vi sia una attenzione verso la vitalità della metafora e del linguaggio poetico.

Sono poi messe in luce le peculiarità dei codici dell’arte e della poesia, attraverso un confronto con studi di semiotica e filosofia del linguaggio, che si avvale di contributi di diversi autori fra i quali Maria Corti e Jurij Michajlovič Lotman, dove si chiarisce perché le forme artistiche debbano continuamente mutare con il mutare delle società.

Ciò che oggi chiamiamo “poesia” è il risultato di un cammino di trasformazione che attraversa i secoli, in cui si viene affermando, creativamente, il ruolo dell’individuo e della sua vita interiore, con una sempre più marcata attenzione alle vicende autobiografiche personali.

Per le scienze della formazione, la poesia assume un doppio interesse, per il suo statuto di processo che cerca, tramite il linguaggio, di dare una forma al flusso del pensiero, mantenendosi in contatto con il mondo interiore, e per la capacità di sintonizzarsi e risuonare con le altrui interiorità e creare tramite il linguaggio un ponte empatico, che si fa anche sensibilità collettiva.

Un capitolo specifico è dedicato a quei pedagogisti che, rinnovando le teorie educative, hanno posto le basi per lo sviluppo di pratiche educative narrative e autobiografiche che valorizzano il ruolo pedagogico del linguaggio poetico.
Nella seconda parte dello studio sono presentate diverse esperienze, a partire da quelle realizzate presso la SUPSI per il progetto europeo ETHAP (Educating, Training and Healing through Autobiographical Poetry), che ha visto il coinvolgimento di un modulo di animazione socioculturale del Bachelor of Science SUPSI in Lavoro sociale. Tramite racconti autobiografici vengono ricostruiti momenti di incontro con la poesia. Appare il ruolo problematico dell’istruzione scolastica che fatica a essere un luogo positivo di avvicinamento ai poemi.

La poesia è spesso rivalutata a partire dall’adolescenza, quando le inquietudini delle giovani e dei giovani trovano voce nei versi dei poeti.

Dal progetto ETHAP provengono anche diversi esempi, in cui la scrittura poetica si rivela uno strumento prezioso per il lavoro socioeducativo e socioculturale. A tale scopo sono illustrate esperienze dei partner europei del progetto, in cui vediamo la poesia interagire con diversi ambiti del lavoro sociale: interculturalità, salute, giovani, anziani e molto altro ancora.
Il viaggio de ”L’educazione poetica”, aperto da una prefazione di Maurizio Cucchi, illustre poeta, romanziere e critico letterario, si conclude con una raccolta di interviste, fra le quali non potevano mancare le voci di poetesse e poeti. Anche in questa occasione, nei racconti autobiografici si ricostruiscono i primi incontri con la poesia, e si riflette, inoltre, sul ruolo esistenziale e pedagogico della scrittura poetica.

In tale raccolta compaiono grandi nomi della poesia di lingua italiana contemporanea, come il ticinese Fabio Pusterla e i milanesi Franco Loi e Milo De Angelis.

Il volume è disponibile in tutte le librerie. Maggiori informazioni sulla pubblicazione sono disponibili sul sito web della casa editrice Unicopli alla pagina seguente:


http://edizioniunicopli.it/leducazione-poetica/

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.