Istituto Giuseppe Toniolo, La condizione giovanile in Italia. Rapporto Giovani 2022, Il Mulino, 2022

vai alla scheda dell’editore:

https://www.mulino.it/isbn/9788815295514

Il 2021 è stato l’anno della progettazione della nuova fase di sviluppo del paese dopo l’impatto inedito e inatteso della pandemia. Il governo italiano ha steso il Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza) che contiene progetti ambiziosi, finanziati soprattutto attraverso le risorse di Next Generation Eu. Il 2022 segna, quindi, l’inizio di una nuova fase. Per dare basi solide al futuro l’Italia deve mettere al centro la valorizzazione del capitale umano delle nuove generazioni, un bene diventato sempre più scarso nel nostro paese. Rafforzare i percorsi formativi e professionali dei giovani: questo l’obiettivo principale, non solo per superare i limiti e gli squilibri passati (nel rapporto quantitativo tra generazioni e nel rapporto tra debito pubblico e ricchezza prodotta) ma anche per cogliere le opportunità di uno sviluppo inclusivo e sostenibile che valorizzi le competenze necessarie per la transizione digitale e verde.

Il Rapporto Giovani 2022, il primo della seconda decade dell’attività dell’Osservatorio Giovani dell’Istituto Toniolo, presenta nella prima parte i quattro fronti su cui si giocano le sorti di una ripresa che possa far leva sulle intelligenze, le energie e la vitalità delle nuove generazioni: le nuove modalità di formazione e le nuove competenze; i nuovi lavori; i nuovi nuclei familiari; le nuove forme di partecipazione sociale. Nella seconda parte si approfondiscono condizione e aspettative delle categorie alle quali il Pnrr si rivolge: oltre ai giovani, le donne, chi vive al Sud e nelle aree economicamente meno dinamiche del paese. Si aggiunge un focus sulla componente straniera, al quale il piano del governo riserva un’attenzione marginale. Oltre alle analisi comparative tra Italia e altri paesi, nella presente edizione è dedicato un approfondimento alla realtà dei giovani e alle politiche che li riguardano in uno specifico stato europeo, la Spagna.

Introduzione. Generazione del tempo nuovo, di Alessandro Rosina

PARTE PRIMAI. La scuola: risorsa strategica per i giovani e per il paese, di Diego Mesa, Pierpaolo Triani e Elena MartaII. Green economy e sviluppo sostenibile, di Mauro Migliavacca, Federico Olivieri e Alessandro Rosina

III. I progetti di vita in un anno di pandemia: fra ostacoli e nuovi stimoli, di Andrea Bonanomi e Francesca Luppi

IV. Il volontariato come palestra per lo sviluppo e il rafforzamento delle soft skills, di Daniela Marzana e Samuele Poy

PARTE SECONDA

V. Le giovani donne, di Alda Marchese e Paola Profeta

VI. Mobilità: vissuto, desideri e prospettive di «altrove», di Rita Bichi, Stefania Leone e Niccolò Morelli

VII. South workers. Storie di giovani lavoratori in remoto dal Sud, di Fabio Introini e Cristina Pasqualini

VIII. Le opinioni delle nuove generazioni sull’immigrazione, di Corrado Bonifazi e Angela Paparusso

IX. I giovani della crisi permanente: instabilità strutturale e disequilibri tra generazioni in Spagna, di Alessandro Gentile

Nota metodologica, a cura di IpsosRiferimenti bibliografici

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.