Chi siamo noi? L’identità dei democratici e le destre, di Nadia Urbinati, in Domani 2 gennaio 2022

in:

https://www.editorialedomani.it/idee/commenti/chi-siamo-noi-lidentita-dei-democratici-di-fronte-alle-destre-b6rko1ex

  • In un certo senso, democrazia e fascismo sono nati insieme all’inizio del XX secolo, con la differenza che la democrazia era allora molto più debole del fascismo.
  • Oggi la democrazia è certamente più forte. Eppure, dopo settant’anni, una guerra di Resistenza contro il regime fascista e la stesura di un’ottima Costituzione democratica, ci rendiamo conto che la mentalità fascista non è mai scomparsa e non è mai stata atterrata ideologicamente.
  • Non dovremmo essere sollevati dal fatto che la democrazia costituzionale è in grado di metabolizzare un’estrema destra radicata nel fascismo?

E’ quindi logico chiedersi che tipo di mentalità ha attivato, la quale non è finita con la fine del fascismo storico. Fu questa la ragione per la quale nel 2016 Umberto Eco si fece la domanda: «ma chi sono costoro?»

Se ci concentriamo sull’ideologia invece che sul regime non è impossibile dar conto della persistenza di questa mentalità in contesti socio-politici nuovi, come in diversi Paesi europei (e forse  in alcune parti degli Stati Uniti).

Ha senso quindi voler decodificare la mentalità che porta il nome del regime fascista per capire come rispondere ad essa.

Sulle orme di Umberto Eco si possono indicare almeno cinque elementi per mettere a fuoco una mentalità che fa parte della mentalità antidemocratica almeno dalla fine del XVIII secolo, e che può essere riscontrata nei partiti e governi di estrema destra.

Tradizionalismo: il mito protettivo delle forze pre-politiche ritenute alla base di tutte le società umane: famiglia, religione, patria.

Questo rende Giorgia Meloni e altri leader europei di estrema destra: a) intolleranti verso la scelta riproduttiva delle donne e disposti ad “aiutare la maternità”, non necessariamente abolendo il diritto all’aborto ma mediante la propaganda e gli incentivi economici alla maternità; b) sostenitori delle radici cristiane e islamofobi (come ieri erano antisemiti); c) etno-nazionalisti e determinati a promuovere un progetto di riacculturazione identitaria anche attraverso politiche culturali.

La nazione, non il popolo, è la loro comunità di riferimento (anche per questo parlare di populismo è fuori luogo). Diffidenza della diversità – una linfa vitale dell’aspirazione a perseguire omogeneità dei valori tradizionali.

A questo scopo si può pervenire anche senza sospendere i diritti, facendo sentire i cittadini che sono minoranza (per scelta sessuale o altre specificità culturali) come ospiti che devono abbassare le loro pretese e auto-umiliarsi.

Disuguaglianza – l’uguaglianza è stato l’ideale illuminista più fortemente detestato dal fascismo storico come lo è dell’estrema destra oggi.

Solo l’uguaglianza tra gli uguali è concepita, non quella nel diritto come scudo protettivo della diversità. Appartenenza – alla comunità-paese con la conseguente mito protettivo dei sacri confini, fisici e simbolici.

L’anti-immigrazione può assumere la forma della xenofobia e di violazione della Convenzione Onu sui rifugiati e sui viaggiatori in mare, ed è un modello per altre forme di repressione nei confronti di altri “gruppi” definiti marginali.

Me ne frego – una concezione della libertà come audacia e sperimentazione, senza alcun riguardo per gli altri; durante il Covid-19, quasi tutta l’estrema destra globale condivideva la propaganda no-mask e no-vax, contraria a qualsiasi forma di prevenzione, in una sorta di esaltazione alla Robinson Crusoe della totale libertà dell’individuo: la maschera e la precauzione come segno di paura, di vigliaccheria: machismo dei pochi e disprezzo dei deboli.

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.