La sicurezza energetica italiana non è a rischio, almeno nel breve termine … la sicurezza di un Paese sta nella diversificazione, e non va mai confusa con gli interessi di una sola compagnia, da Istituto Bruno Leoni

La sicurezza energetica italiana non è a rischio, almeno nel breve termine. Per quel che riguarda il petrolio, i disordini – in Libia ma anche in Algeria, Egitto e Bahrein – hanno un importante impatto sui prezzi, ma finora non sull’effettiva accessibilità delle risorse.
Come ha ricordato la stessa Agenzia Internazionale per l’Energia, le scorte e le produzioni “non a rischio” sono, sempre per ora, compatibili con la domanda. Segno che il mercato, quando funziona, funziona: insomma, le instabilità possono spostare il punto di equilibrio, ma non pregiudicano gli affari.
Pesa, invece, il 13,2 per cento di importazioni di gas dalla Libia, soggette a grande incertezza sugli sviluppi futuri. Fortunatamente, tutto ciò accade a inverno finito, in un anno di domanda ancora bassa e mercato strutturalmente lungo. Molto, insomma, dipenderà dalla rapidità con cui i Paesi in rivolta si assesteranno, e come. Se dunque l’Italia può stare relativamente tranquilla, lo stesso non può dirsi delle imprese attive in quelle nazioni. L’Eni, per esempio, ha una forte esposizione in Libia, resa possibile dagli attuali buoni rapporti col regime in fiamme.
Da questa vicenda, e da un simile disallineamento di rischi, intanto si può già trarre un’utile lezione: la sicurezza di un Paese sta nella
diversificazione, e non va mai confusa con gli interessi di una sola
compagnia.

da: IBL – Libia, una prima lezione.

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.