Sostenere la cura familiare. L’auto mutuo aiuto, uno strumento, seminario a cura di Patrizia Taccani

Seminario “Sostenere la cura familiare. L’auto  mutuo aiuto, uno strumento”

Mercoledì 13 Aprile 2011

ore  8,30 – 17

«Il progresso di una società si giudica dal modo in cui essa

si prende cura dei più deboli»

presso la sede de

«La Bottega del Possibile» in Viale Trento, 9  Torre Pellice

PRESENTAZIONE

Sostenere a casa “la cura di chi cura” il proprio caro in difficoltà di salute o di autonomia è indispensabile perché “assistere è faticoso” sul piano materiale e affettivo.

I caregivers hanno bisogno di essere sollevati nella loro fatica, anche con i gruppi di auto mutuo aiuto, strumento che appare sempre più efficace per confrontarsi, per condividere, per ricercare nuove modalità di rapporto e di equilibrio anche nella gestione delle emozioni.

Spesso la donne, moglie o figlia, è sola perché è cambiata la struttura della famiglia con molte ricadute sulla presenza di familiari per assistere, per accompagnare.

Lo Stato anziché essere vicino con la sua azione pubblica è sempre più assente sia sul piano economico che nella erogazione dei servizi domiciliari.

Come fare? Parliamone insieme.

PROGRAMMA

Ore 8,30               Accoglienza e registrazione dei partecipanti

Ore 9                     PERCHÉ QUESTO SEMINARIO

Mariena Scassellati Galetti, Presidente de “La Bottega del Possibile”

SOSTENERE LA FAMIGLIA, ROMPERE L’ISOLAMENTO attraverso LE CURE  DOMICILIari

Paola Sderci, assistente sociale, referente cure domiciliari ASL TO3 Collegno-Pinerolo,

Associazione Auto Mutuo Aiuto, Pinerolo (TO)

Lo sguardo di UN’INFERMIERA

Elisabetta Lambert (*), infermiera coordinatrice cure domiciliari, ASL TO3 Distretto di Susa (TO)

Ore 11                  Intervallo

Ore 11,15             L’AUTO MUTUO AIUTO NEL SISTEMA DI RETE

Silvio Venuti (*), Direttore Struttura Complessa Servizio Territoriale                di Continuità delle Cure,

ASL TO3 Collegno-Pinerolo

Il punto di vista della FAMIGLIA

1 testimone diretto Associazione Auto Mutuo Aiuto  Pinerolo

Ore 13                   Pausa per pranzo

Ore 14                   Ripresa dei lavori

I gruppi di automutuo aiuto con caregiver. Quali positività e quali criticità?

Ÿ Maria Giorgetti, assistente sociale specialista, Associazione Gng, Magenta (MI)

Ÿ Patrizia Taccani (*)

Sono entrambe autrici e curatrici del  libro: “Lavoro di cura e automutuo aiuto. Gruppi per caregiver di anziani non auto-sufficienti”, FrancoAngeli, Milano, 2010

Ore 15                  QUANDO LA FREQUENZA AI GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO FA BENE

Ÿ Marco Giraudo (*), medico di famiglia ASL CN,1 Cervasca (CN)

Ÿ Pierangelo Pieroni, medico responsabile UVG, ASL CN1, Cuneo

Ore 15,30             LA RICHIESTA DELLA FAMIGLIA: L’ATTENZIONE ALLA RELAZIONE E AL LINGUAGGIO

I testimoni diretti

Associazione Auto Mutuo Aiuto Alba,  Chieri, Pinerolo

Questionario di valutazione

Conclusioni del coordinatore

Ore 17                  Termine del seminario

Coordina:            Patrizia Taccani (*), psicologa, formatrice,consulente AIMA Milano onlus

(*) socio de “La Bottega del Possibile”

per programma e scheda di iscrizione:


_________________________________________________

Associazione di Promozione Sociale “La Bottega del Possibile”

Viale Trento 9 – 10066 Torre Pellice (TO)

Tel. e fax  0121 953377 – 332996

bottegadelpossibile@bottegadelpossibile.it

segreteria@bottegadelpossibile.it

www.bottegadelpossibile.it

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.