CGIL – Infanzia: report del seminario ‘I livelli essenziali per l’infanzia e l’adolescenza’

Infanzia: report del seminario ‘I livelli essenziali per l’infanzia e l’adolescenza’
09/06/2011  | Welfare Condividi su:  condividi su Facebook condividi su Twitter

Si è tenuto ieri a Roma nella sede dell’UNICEF il Seminario di lavoro “I Livelli Essenziali per l’infanzia e l’adolescenza” promosso da “Batti il cinque”.

“Batti il cinque” nasce a novembre 2009 in occasione della Conferenza nazionale sull’infanzia e l’adolescenza a Napoli per esprimere una preoccupazione e lanciare un grido di allarme per il disimpegno del governo circa i diritti dei minori.Infatti, nonostante le promesse, non era ancora stato presentato il Piano per l’infanzia.“Batti il cinque” si costituisce su iniziativa di 7 organizzazioni promotrici: Agesci, Arciragazzi, Cgil, CNCA, Consiglio nazionale ordine Assistenti sociali, Save The Children Italia e Unicef Italia e si dà lo scopo di ricordare quanto sancito dalla CRC (Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza) riguardo i principi fondamentali nell’attuazione dei diritti dell’infanzia. Individua 5 Diritti essenziali su cui incardinare le proprie azioni a favore dei bambini: diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo; al rispetto del loro superiore interesse; alla non discriminazione; all’ascolto delle loro opinioni.Il documento di Batti il cinque “Perché i colori dell’Infanzia parlino alla Conferenza” (Napoli novembre 2009) riceve nel corso della conferenza stessa 200 adesioni.
“Batti il cinque” ha continuato il proprio impegno di mantenere viva l’ attenzione sui diritti dell’infanzia, oltre che di elaborazione e studio (Seminario nazionale “Le priorità per il Piano d’azione” 22 gennaio 2010 ) e ha formulato precise proposte e richieste a Governo, Commissione Bicamerale Infanzia, Anci, Regioni, focalizzando l’attenzione su: – l’adozione del Piano nazionale infanzia rispettando i tempi e gli impegni finanziari, – la valorizzazione delle elaborazioni fatte dall’Osservatorio Infanzia, – il rispetto delle indicazioni del Comitato Onu, – la valorizzazione delle proposte delle Associazioni, – la leale collaborazione, – la predisposizione di piani regionali infanzia;

– il monitoraggio delle azioni.

Il “Piano nazionale d’azione per l’Infanzia e l’adolescenza” dopo un lungo e travagliato iter e senza allocazione di risorse finanziarie, è stato emanato con il DPR del 21-1-2011 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 9- 5- 2011. “Batti il cinque” tuttavia non ritiene esaurito il proprio compito, anzi rinnova, con senso di responsabilità, la volontà di continuare ad impegnarsi perché i Diritti non basta scriverli sui documenti, non basta che diventino leggi, occorre farli vivere nella realtà, occorre renderli reali ed esigibili per tutte le bambine e i bambini, per tutte le/gli adolescenti. Per far sì che ciò possa accadere occorre che siano individuate le indispensabili risorse finanziarie e siano individuati, come prevede la legge 42 del 2009, i Livelli essenziali delle prestazioni.

Il seminario di ieri 8 giugno 2011 si proponeva proprio di dare avvio ad un processo di definizione dei livelli essenziali per rendere esigibili i diritti delle persone di minore età in Italia. Compito questo di specifica competenza del Governo. Batti il cinque intende contribuire con responsabilità a questo lavoro ed ha cosi individuato 7 ambiti di approfondimento e per ognuno, a partire dagli articoli della CRC, ha iniziato ad individuare livelli essenziali da garantire e azioni da mettere in campo affinchè il diritto in questione sia reso esigibile. Gli ambiti di approfondimento presi in considerazione sono: principi generali della CRC, ambito dei diritti civili e libertà, salute e servizi di base, ambiente familiare e assistenza alternativa, diritto all’educazione e all’istruzione, misure generali per l’attuazione dei diritti previsti dalla CRC, misure speciali per la tutela dei minori ed in particolare per i minori stranieri.

Il lavoro è stato supportato da contributi di esperti quali: Luigi Fadiga, Maria Giovanna Ruo, Francesco Paolo Occhiogrosso, Francesco Alvaro, Liliana Leone, L.orenzo Campioni, Oliviero Forte, che continueranno a lavorare anche per i prossimi appuntamenti.

da CGIL – Infanzia: report del seminario ‘I livelli essenziali per l’infanzia e l’adolescenza’.

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.