MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI

Home » REDDITI e consumi » Povertà » Il reddito di inclusione: Dossier | Testo di legge | Il nostro Speciale | Relazione di Ileana Piazzoni, Dichiarazione di voto di Donata Lenzi | Relazione di Anna Giacobbe, a cura dei deputati del PD, 29 agosto 2017

Il reddito di inclusione: Dossier | Testo di legge | Il nostro Speciale | Relazione di Ileana Piazzoni, Dichiarazione di voto di Donata Lenzi | Relazione di Anna Giacobbe, a cura dei deputati del PD, 29 agosto 2017

Il reddito di inclusione è una misura concreta, sostenibile ed efficace, perché rivolta a chi ne ha davvero bisogno. Niente a che fare con la proposta di un reddito per tutti, finanziariamente insostenibile e socialmente sbagliata. Quelle messe in atto nei #Millegiorni sono politiche di assistenza rivolte a chi è in reale stato di difficoltà e vogliono favorire l’inserimento nel mondo del lavoro, non la permanenza ai margini.

Abbiamo affrontato con questi interventi una delle eredità più pesanti della crisi che ha precipitato milioni di famiglie e di individui nel calvario della povertà. Nei cinque anni dal 2007 al 2012 il loro numero è raddoppiato: sono passati rispettivamente da 975mila a 1,725 milioni e da 2.427 a 4.814. Gli ultimi dati, risalenti al 2016, hanno fatto registrare un miglioramento anche se la situazione rimane difficile.

I BENEFICIARI
L’obiettivo è aiutare tutti coloro che si trovano in povertà assoluta. Si tratta cioè di nuclei familiari o persone che non dispongono dei beni e dei servizi sufficienti a condurre un livello di vita dignitosa. A beneficiarne saranno, in modo prioritario, le famiglie con figli minori, con disabili gravi e i disoccupati con più di 55 anni. Il ministero del Lavoro ha calcolato che riguarderà 600mila famiglie, 1,8 milioni di persone e, in particolare, 500mila minori, cioè la metà del milione di bambini che versa in condizioni di assoluta miseria.

AIUTI SU MISURA
Le norme per la lotta alla povertà non si limitano a un sostegno sul piano puramente economico ma intervengono con una vera e propria ‘presa in carico’ della famiglia o del singolo in difficoltà. Ciò avviene attraverso progetti personalizzati di inserimento al lavoro o di cura delle eventuali necessità socio-sanitarie.

I MEZZI FINANZIARI
Le risorse stanziate destinate al reddito di inclusione sono: 1 miliardo e 150 milioni per quest’anno, che diventeranno 2 miliardi aggiungendo i fondi non spesi nel 2016 e i fondi europei. Gli assegni erogati varieranno in relazione al reddito, al numero di componenti del nucleo familiare e al luogo di residenza: oscilleranno così tra i circa 190 euro per una persona singola a un massimo di 485 euro mensili per un nucleo familiare di 5 o più componenti.

Scarica la versione PDF

Sorgente: Contro povertà e demagogia


Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Classificazione degli argomenti

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 3.813 follower

Follow MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI on WordPress.com

Articoli Recenti

Archivi

Statistiche del Blog

  • 1,669,176 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: