Il processo di Charlie Hebdo mostra come si batte il terrorismo, di Alberto Melloni, in Domani 18 dicembre

Dopo 54 giorni di udienza, i giudici hanno condannato gli accusati di complicità, distinguendo le posizioni, graduando le pene, tenendo conto della diversità delle prove e delle responsabilità: con l’imputazione per alcuni di terrorismo, per altri di associazione di malfattori. Con pene da 5 anni all’ergastolo.
 È stata data una lezione micidiale al terrorismo. L’obiettivo di chi vi si dedica – eccitandosi in una propria egolatria religiosa o ideologica – è infatti quello di assimilare alla sua brutalità il proprio nemico.
 È a suo modo una “pena esemplare”: crea uno iato fra due campi culturali. Da un lato, il delitto che cerca il suo pretesto propagandistico. Dall’altro, la giustizia dei tribunali dello stato di diritto.

vai a:

https://www.editorialedomani.it/idee/commenti/il-processo-di-charlie-hebdo-mostra-come-si-batte-il-terrorismo-m7gvgfhe

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.