Amato Giuliano, Bentornato Stato, ma, il Mulino, 2022

vai alla scheda dell’editore:

https://www.mulino.it/isbn/9788815295804

«… immune dai suoi vecchi vizi e lontano, in ogni circostanza, dall’hybris dell’accentramento autoritario».

Non ci interessa dimostrare l’essenzialità dello Stato o del mercato, ma capire come possano interagire per costruire il nostro futuro

«Se fotografo i rapporti che oggi vedo fra lo Stato e l’economia e li confronto con quelli che ho vissuto e che ho contribuito a creare, la differenza che noto è grandissima». Uno dei protagonisti della storia politica e istituzionale italiana riflette su come oggi – in un mondo indebolito dalle crisi e sollecitato da grandi trasformazioni – sia illusorio pensare che il mercato possa da solo trovare soluzioni. Ma mentre in passato il ritorno allo Stato ha significato debito pubblico, inefficienza e corruzione, oggi lo Stato torna protagonista come investitore nelle imprese della crescita di domani e come Stato «provvidenza», capace di interventi che mai avevamo visto prima. Che cosa ha provocato un mutamento così profondo? È possibile oggi uno Stato promotore, dove l’utilità dell’intervento pubblico possa resistere alle patologie e alle storture che aprirono la strada al neoliberismo?

Giuliano Amato, già presidente del Consiglio e più volte ministro, professore emerito dell’Istituto universitario europeo e della Università Sapienza di Roma, è presidente della Corte costituzionale. Tra i suoi libri pubblicati dal Mulino: «Grandi illusioni» (con A. Graziosi, 2013), «Europa perduta?» (con E. Galli della Loggia, 2014), «Le istituzioni della democrazia» (2015) e «Corte costituzionale e corti europee» (2016).

Introduzione. Per cominciare sentiamo un Maestro, Douglass North
I. Stato e mercato. In principio erano i fatti, non le dottrine
II. L’intervento dello Stato che abbiamo alle spalle e il suo ritorno di oggi
III. Antidoti contro le devianze. E contro gli eccessi di intrusione?
Per concludere. Bentornato Stato, ma senza vecchi vizi e nuove esorbitanze
Bibliografia
 

 

«Giuliano Amato sa dare chiarezza e semplicità ad argomenti complessi» Ferruccio de Bortoli

Uno dei grandi protagonisti della storia politica italiana riflette su come sia illusorio pensare che il mercato possa da solo trovare soluzioni: è possibile oggi uno Stato promotore, dove l’utilità dell’intervento pubblico resista alle storture che aprirono la strada al neoliberismo?

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.