ISPI: Cosa vogliono Putin e Erdogan?, 9 gen 2020

I due presidenti appaiono sorridenti mentre si danno la mano e inaugurano il Turkstream, il gasdotto che rifornirà l’Europa di gas russo, passando dalla Turchia. Hanno festeggiato, ma soprattutto parlato a lungo. L’accordo russo-turco sulla Libia prevede un cessate-il-fuoco a partire dal 12 gennaio e, anche se il suo esito è tutt’altro che scontato, costituisce un primo passo concreto in direzione della pace. Vladimir Putin e Recep Tayyep Erdogan sembrano aver messo da parte le divergenze e puntano ad imporre una pax nel mediterraneo occidentale sulla falsariga di quella negoziata per l’altro fronte caldo in cui i due paesi si trovano prima linea: la Siria. Allo stesso modo Istanbul e Mosca punterebbero a dividere il paese nordafricano in zone di influenza, garantendosi un accesso privilegiato per lo sfruttamento del ricco sottosuolo libico. L’asse Mosca-Ankara, oltre a mettere ai margini Europa e Stati Uniti – fortemente criticati per l’uccisione del generale iraniano Qassem Soleimani, “un’azione che mina la sicurezza nella regione” – rischia di rafforzare il peso delle due potenze nel Mediterraneo

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.