Actionaid Italia, Qualità della democrazia, Spazi civici e partecipazione, FrancoAngeli, 2021

cover libro

 

Actionaid Italia, Qualità della democrazia, Spazi civici e partecipazione

 

COLLANA: Varie – Open Access

Il volume si propone di rispondere a questioni di politica sociale, esasperate anche dalla condizione pandemica del Sars-Cov2, interrogandosi sulla

Leggi di più

Il volume si propone di rispondere a questioni di politica sociale, esasperate anche dalla condizione pandemica del Sars-Cov2, interrogandosi sulla qualità delle pratiche democratiche e, innanzitutto, sulla possibilità di rendere concreta l’effettiva partecipazione attiva delle persone e delle comunità. Sono indagati i problemi, le forme e le opportunità della partecipazione politica e della costruzione degli spazi civici in vari contesti (internazionali, nazionali e locali) e rispetto a diversi gruppi sociali.

 
 

Presentazione del volume

È ormai evidente come negli ultimi decenni si siano esasperate le diseguaglianze sociali, come si sia allargata la forbice tra chi ha accesso alla possibilità di rivendicare i propri diritti e chi è vittima – a volte inconsapevole – degli arbitrari privilegi di pochi. Si parla di populismo e di crisi delle democrazie: eppure, nella realtà dei fatti, sono le rappresentanze a essere in crisi. Nelle società e nelle comunità, persone e movimenti si confrontano e cercano forme alternative di protagonismo. Per chi, come ActionAid, mette il contatto quotidiano con la realtà sociale al centro del proprio lavoro, interrogarsi sulla qualità della democrazia e delle pratiche democratiche riguarda innanzitutto la possibilità di rendere concreta l’effettiva partecipazione attiva delle persone e delle comunità.
Il volume si propone di rispondere a questioni di politica sociale che, esasperate anche dalla condizione pandemica del Sars-Cov2, mostrano sempre più chiaramente la propria forza e centralità. Attraverso uno sguardo innovativo e poliforme sono indagati i problemi, le forme e le opportunità della partecipazione politica e della costruzione degli spazi civici in vari contesti (internazionali, nazionali e locali) e rispetto a diversi gruppi sociali.

ActionAid è una Federazione Internazionale che lavora in 45 Paesi del mondo. Da quasi 50 anni supporta persone, comunità, gruppi e movimenti, che spesso sono parte dell’Organizzazione stessa, impegnati nella lotta alle diseguaglianze. ActionAid Italia è tra i membri fondatori della Federazione ed è presente in Italia dal 1989. La sede legale e operativa dell’Associazione è a Milano, mentre a Roma e a Napoli vi sono due ulteriori sedi esclusivamente operative. ActionAid Italia è presente in molte città e province italiane grazie alla governance, allo staff, ai partner locali, agli attivisti e alle attiviste. L’Organizzazione promuove spazi di partecipazione democratica per supportare persone e comunità nel riconoscimento, nella rivendicazione e nella tutela dei propri diritti. Lavora a livello locale, nazionale e internazionale per realizzare il cambiamento, per aumentare l’equità sociale in situazioni di povertà e marginalità, per migliorare la qualità della democrazia.

 

Indice

Kumi Naidoo, Premessa
Katia Scannavini, Introduzione
Marco Polvani, Partecipazione e spazi civici. Forme, problemi e opportunità della partecipazione in politica
(Le forme della partecipazione; La partecipazione nel government e nella governance; I rischi della partecipazione e il ruolo del policy activism; La partecipazione come auto-organizzazione sociale e il ruolo della sfera pubblica; La partecipazione nella visione strategica di ActionAid. L’esperienza dei policy labs; Note conclusive)
Antonio Liguori, Sostenere i movimenti sociali. Una riflessione a partire dall’esperienza di ActionAid Italia
(Rightsholders e giovani al centro; Supportare i movimenti sociali; Alcune caratteristiche dei movimenti contemporanei; Sfide per i movimenti e per chi vuole sostenerli; Puntare sul lavoro di comunità)
Lorenzo Zamponi, Precari, attivi, sul crinale tra individuale e collettivo: giovani e azione collettiva nell’Italia della crisi
(Questione generazionale e azione collettiva nell’epoca dell’individualizzazione; Attivi: i giovani e l’azione collettiva politica oggi in Italia; Precarietà, individuale e collettivo nell’attivismo giovanile; Tre punti conclusivi; Appendice)
Sara VegniElisa Visconti, Partecipazione civica ed emergenze: una finta dicotomia
(Tempo ordinario e tempo straordinario: distinzioni strumentali; Un’esperienza pratica: terremoti in Italia e il lavoro di ActionAid)
Fabrizio Coresi, Cristiano Maugeri, Claudia MazzantiAccountability bene comune: oltre la crisi e la retorica dell’emergenza
(Per una definizione condivisa; Accountability ed emergenza Covid-19: un binomio possibile; Accountability dell’accoglienza: emergenza reale e retorica dell’emergenza. Il monitoraggio del sistema di accoglienza straordinario)
Daniela CapalboFrancesco Ferri, Partecipazione e attivazione politica dei cittadini con back-ground migratorio
(Sguardi disambigui sul background migratorio; Esclusione formale e attivazione sostanziale; Macro-aree di partecipazione; Oltre la retorica vittimizzante; La dimensione politica delle condotte individuali; La partecipazione rende uguali?; Gettare i semi di una nuova convivenza)
Angela D’AlessandroSara Picchi, Case delle Donne, opportunità e rischi nell’attuale contesto
(Metodologia della ricerca; Partire da sé. Cosa sono le Case delle Donne; Cosa vuol dire generare una comunità femminista; Situazione attuale e rischi relativi alle vertenze; Le Case delle Donne nel contesto pandemico)
Luca Lo ReElisa PriviteraKatia Scannavini, Spazi civici e periferie
(Sul concetto di periferia; Dalla povertà alle geografie della diseguaglianza. Dalla marginalità socio-spaziale alla centralità degli spazi civici; Spazi civici in quartieri di vulnerabilità: racconto e analisi di due esperienze; Discussioni e riflessioni; Qualche nota conclusiva)
Alessandro Melis, Verso una nuova tassonomia dell’architettura: l’informalità e indeterminismo delle comunità
(Appropriazione temporanea: il caso di Mexico City; El Houma: il caso di Algeri)
Chiara Ferrari, Appendice. Fiducia nelle istituzioni altalenante e democrazia in crisi
Bibliografia
Sitografia
Gli autori e le autrici.

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.