LEA - Livelli Essenziali di Assistenza

Principali fonti normative sui Livelli essenziali di assistenza (Lea), Ministero della Salute – Programmazione Sanitaria e Qualità – Lea – Documenti – Guida ragionata alla normativa

Guida ragionata alla normativa

Le principali fonti normative sui Livelli essenziali di assistenza (Lea) sono rappresentate dal decreto legislativo n. 502 del 1992, aggiornato dal decreto legislativo n. 229 del 1999, e dalla legge n. 405 del 2001.

Il d.lgs. n. 502/1992 definisce i Lea, all’art. 1, come l’insieme delle prestazioni che vengono garantite dal Servizio sanitario nazionale, a titolo gratuito o con partecipazione alla spesa, perché presentano, per specifiche condizioni cliniche, evidenze scientifiche di un significativo beneficio in termini di salute, individuale o collettiva, a fronte delle risorse impiegate. Pertanto, sono escluse dai Lea le prestazioni, i servizi e le attività che non rispondono a necessità assistenziali, le prestazioni di efficacia non dimostrabile o che sono utilizzate in modo inappropriato rispetto alle condizioni cliniche dei pazienti e le prestazioni che, a parità di beneficio per i pazienti, comportano un impiego di risorse superiore ad altre (sono più costose di altre).
In attuazione della legge n. 405 è stato emanato il d.P.C.M. 29 novembre 2001 di “Definizione dei Livelli essenziali di assistenza” che elenca, negli allegati, le attività e le prestazioni incluse nei Livelli, le prestazioni escluse, le prestazioni che possono essere fornite dal Servizio sanitario nazionale solo a particolari condizioni.
In dettaglio:

  • l’allegato 1 riporta le prestazioni erogate dal Ssn nelle tre grandi aree di offerta della “Assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro”, dell’”Assistenza distrettuale” e dell’”Assistenza ospedaliera”
  • l’allegato 2 A elenca le prestazioni escluse dai Lea, gli allegati 2 B e 2 C le prestazioni erogabili in particolari condizioni
  • l’allegato 3 fornisce indicazioni particolari per l’applicazione dei Lea
  • l’allegato 4 descrive il ruolo delle Regioni in materia di Lea
  • l’allegato 5 riporta gli impegni assunti dalle Regioni per la riduzione delle liste di attesa delle prestazioni specialistiche ambulatoriali e di ricovero

Il decreto ministeriale 12 dicembre 2001 “Sistema di garanzie per il monitoraggio dell’assistenza sanitaria” rappresenta uno strumento indispensabile per verificare l’effettiva applicazione dei Livelli essenziali di assistenza. Il decreto definisce un’insieme di indicatori, riferiti ai diversi livelli di assistenza, attraverso i quali, partendo da dati di base, è possibile ottenere informazioni sintetiche sull’attività svolta dalle aziende sanitarie locali, la diffusione dei servizi, le risorse impiegate, i costi, i risultati ottenuti. In dettaglio, oltre al testo del decreto, sono disponibili:

  • l’elenco degli indicatori
  • le schede che riportano, per ciascun indicatore, la definizione, i dati di base per la costruzione dell’indicatore, la fonte dei dati, il parametro di riferimento;
  • le definizioni metodologiche per individuare i dati di base

Il d.P.C.M. 16 aprile 2002 è il provvedimento che ha inserito nel d.P.C.M. 29 novembre 2002 di “Definizione dei livelli essenziali di assistenza”, l’allegato 5 sulle liste di attesa

Il d.P.C.M. 28 novembre 2003 che ha modificato il decreto sui Lea, inserendo nei Livelli alcune certificazioni mediche precedentemente escluse

L’art. 54 della legge 27 dicembre 2002, n.289, (legge finanziaria 2003) che specifica la procedura per modificare i Lea

Il comma 169 della legge 30 dicembre 2004, n.311, (legge finanziaria 2004) che affida al Ministro della salute il compito di fissare “gli standard qualitativi, strutturali, tecnologici, di processo e possibilmente di esito, e quantitativi, di cui ai livelli essenziali di assistenza” anche al fine di garantire che le modalità di erogazione delle prestazioni incluse nei Lea siano uniformi sul territorio nazionale.

L’Intesa Stato-Regioni del 23 marzo 2005 prevede l’istituzione, presso il Ministero della salute, del Comitato permanente per la verifica dell’erogazione dei Livelli Essenziali di Assistenza cui è affidato il compito di verificare l’erogazione dei Livelli Essenziali di Assistenza in condizioni di appropriatezza e di efficienza nell’utilizzo delle risorse, nonché la congruità tra le prestazioni da erogare e le risorse messe a disposizione dal Servizio Sanitario Nazionale.

Ministero della Salute – Programmazione Sanitaria e Qualità – Lea – Documenti – Guida ragionata alla normativa

Blogged with the Flock Browser

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.