i BIAS e la comunicazione politica – da una lezione di Claudio Velardi in Buchi Neri

Come spiegato da Daniel Kahneman, psicologo cognitivo e premio Nobel per l’economia, nel suo libro Pensieri lenti e veloci (Mondadori, 2012), i bias sono errori sistematici di giudizio che ognuno di noi commette agendo in automatico, valutando la realtà in base al pensiero intuitivo.

i bias influiscono sulla determinazione dell’agenda attraverso la selezione dei problemi, che sono tanto più importanti quanto più facilmente si recuperano dalla memoria, e si recuperano se sono i media ad occuparsene. A loro volta, i media scelgono le questioni che valutano interessanti per il pubblico, individuando come prioritari avvenimenti drammatici, personaggi noti o temi pruriginosi

….

uno dei bias più frequenti, infatti, è il cosiddetto framing, che consiste nell’immettere la notizia in un quadro di riferimento che ne faciliti, ma soprattutto ne orienti, l’interpretazione da parte del pubblico.

Sorgente: La politica comunicativa – Buchi Neri

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.