ANDREA PERTICI, Presidenti della Repubblica. Da De Nicola al secondo mandato di Mattarella, Il Mulino, 2022 . Indice del libro

ANDREA PERTICI, Presidenti della Repubblica. Da De Nicola al secondo mandato di Mattarella

Descritta succintamente dal testo costituzionale, la Presidenza della Repubblica è stata via via «riempita» dai momenti politici e dalla cultura di chi è stato chiamato a incarnarne lo spirito.

Cosa distingue Einaudi da Gronchi?

È stato Pertini il primo «presidente degli italiani»?

Perché il sistema mediatico ha descritto Napolitano come «Re Giorgio»?

Cosa rappresenta, per l’Italia e il suo sistema politico, la riconferma di Sergio Mattarella?

L’Assemblea costituente optò per una forma di governo parlamentare, ma affidò al Capo dello Stato importanti poteri di intermediazione politica, di controllo e di stimolo che il cittadino comune vede ciclicamente in atto nei passaggi istituzionali: la formazione dei governi, lo scioglimento della Camere, l’elezione dei Presidenti stessi.

Nel corso della storia repubblicana queste funzioni si sono allargate e ristrette, perché interpretate da uomini politici all’interno di momenti politici.

Ecco perché, per capire davvero i Presidenti della Repubblica, i loro profili vanno letti dentro alle stagioni della politica italiana.

vai a:

il Mulino – Volumi – ANDREA PERTICI, Presidenti della Repubblica
Introduzione
I. Dalla monarchia alla Repubblica: un passaggio difficile
1. Il (contestato) voto popolare per la Repubblica
2. Enrico De Nicola Capo provvisorio dello Stato
II. Il Presidente nella Costituzione repubblicana
III. Enrico De Nicola, Presidente per Costituzione
IV. Luigi Einaudi, il Presidente senza precedenti
1. Una seconda scelta di valore
2. Il ruolo notarile nella stagione degasperiana
3. L’esercizio silenzioso degli altri poteri
4. Dopo De Gasperi: il primo «governo del Presidente»
V. Giovanni Gronchi, il Presidente forte, viva voce della Costituzione
1. Il primo democratico-cristiano al Quirinale. Grazie alla sinistra
2. L’esercizio dell’indirizzo politico-costituzionale
3. Le spinte verso il centrosinistra e i colpi di coda del centrodestra
4. Un tramonto solitario
VI. Antonio Segni, il Presidente contro il centrosinistra
1. Il moderato voluto da Moro
2. Le resistenze del Quirinale al centrosinistra
3. Dal centrosinistra al Piano Solo e ritorno (o quasi)
4. Il drammatico epilogo e la supplenza Merzagora
VII. Giuseppe Saragat, il Presidente del centrosinistra
1. La rivincita
2. Il centrosinistra ha il suo garante
3. Non ci sono alternative: i mandati vincolati alla formula di centrosinistra
4. Il peso dell’essere «uomo di partito»
VIII. Giovanni Leone, il Presidente fuori dalla maggioranza
1. Una brutta elezione che mette in crisi la maggioranza
2. L’emarginazione politica
3. Un estraneo al Quirinale nella stagione della solidarietà nazionale
IX. Sandro Pertini, il Presidente degli italiani
1. Un’elezione trionfale
2. L’attivismo istituzionale e la tentazione per i «governi del Presidente»
3. La nascita del pentapartito
4. Due socialisti al vertice
X. Francesco Cossiga, il Presidente di tutti (i partiti)
1. Al primo scrutinio
2. Le prime (difficili) crisi di governo
3. I vecchi partiti sul ponte del Titanic
4. Il picconatore
XI. Oscar Luigi Scalfaro, il Presidente tra Prima e Seconda Repubblica
1. Una scelta istituzionale
2. Il tramonto della Prima Repubblica
3. Il difficile avvio della Seconda Repubblica
4. Il nuovo centrosinistra: una ritrovata stabilità
XII. Carlo Azeglio Ciampi, il Presidente della Repubblica come patria
1. Un candidato ideale
2. Ciampi di fronte al «suo» centrosinistra
3. La «coabitazione» con Berlusconi nella stagione della grande stabilità
4. Un notaio di carattere con il senso della patria
XIII. Giorgio Napolitano, il Presidente che viene dal Pci
1. Un’elezione divisiva, ma senza contrapposizioni
2. La stagione arcobaleno
3. L’ultimo Berlusconi
4. L’allarme per i conti pubblici e l’interventismo del Presidente
5. «Bene, bravo, bis»
XIV. Sergio Mattarella, Presidente tra continuità e novità
1. Una scelta che divide e compatta
2. La complicata chiusura della diciassettesima legislatura
3. Nessuna maggioranza, qualunque maggioranza: i governi nella diciottesima legislatura
4. In tempi di pandemia
5. Quirinale 2022: la grande corsa
6. La rielezione
7. Ritorno al Quirinale

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.