MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI

Home » 1) BISOGNI, DOMANDE, PROBLEMI » SESSUALITA' » Violenza sessuale » carcere di Bollate (Milano): l’unico progetto italiano sui condannati per reati sessuali, articolo di Lucia Esposito, in Libero 3 aprile 2017

carcere di Bollate (Milano): l’unico progetto italiano sui condannati per reati sessuali, articolo di Lucia Esposito, in Libero 3 aprile 2017

Tra stupratori e pedofili. I racconti dei detenuti sex offender incarcerati nella II Casa di reclusione di Bollate. Qui l’unico progetto italiano sui condannati per reati sessuali.

Carcere di Bollate, settimo reparto, secondo piano settore B. Qui sono rinchiusi i detenuti condannati per reati sessuali contro donne e minori. Stupratori e pedofili. Per gli altri carcerati sono gli infami, per il mondo dovrebbero marche in carcere. Invece poi escono perché la pena finisce. In un pomeriggio di inizio primavera in diciannove sono seduti in semicerchio su sgabelli di legnmo nella sala della biblioteca, a metà del corridoio dove si affacciano le celle. La luce inonda la stanza e illumina i volti. E’ una luce crudele questa che entra in carcere, è come un riflettore puntato in faccia che non dà scampo.
C’è un ragazzo di 24 anni condannato per pedofilia, dimostra meno dei suoi pochi anni, siede composto con le gambe accavallate e le scarpe nuove, una polo bianca fresca di bucato e un paio di jeans. Parla un italiano ricercato, l’eloquio stordisce ma non distrae dal pensiero che quelle sue mani bianche e sottili hanno preso con la forza dei bambini. Ci sono volti pieni di rughe e capelli bianchi, uomini di mezz’età che sono stati professionisti ed operai. Italiani e stranieri. Sono uno accanto all’altro. Sono i detenuti dell’unità di trattamento intensificato.
Quelli ‘del Giulini’, li chiamano così in carcere. Paolo Giulini è il criminologo, presidente del CIMP, Centro italiano per la promozione della mediazione, che undici anni fa ha elaborato un progetto per trattare questi detenuti. “Lo scopo è evitare che una volta fuori facciano altre vittime

vai a:

 

Sorgente: I racconti choc dei detenuti sex offender del carcere di Bollate.


2 commenti

  1. G. Ghezzi ha detto:

    Un articolo molto toccante… grazie

    Liked by 1 persona

    • Paolo Ferrario ha detto:

      e pensa che l’ho trovato sul quotidiano Libero (anche se rilanciato dal Comune di Milano). mai avere PRE giudizi (intendo su Libero, non sui pedofili). Spero nelle deterrenza. Ma penso tanto, tantissimo, alle vittime. ciao !!!

      Mi piace

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Classificazione degli argomenti

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 3.555 follower

Follow MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI on WordPress.com

Articoli Recenti

Archivi

Statistiche del Blog

  • 1,587,530 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: