Ilvo Diamanti, E se il Cavaliere uscisse di scena – Repubblica.it

Eppure “se”  –  e sottolineo “se”  –  all’improvviso Berlusconi uscisse di scena, messo all’angolo da coloro che hanno, da tempo, atteso (e preparato) questo momento. Ma anche da

molti “amici” e cortigiani, come avviene sempre al potente, quando cade in disgrazia. Allora: cosa accadrebbe? In primo luogo, si sfalderebbe la maggioranza. Quel patto tra partiti e gruppi raccolti intorno a lui  –  e da lui  –  dal 1994 fino ad oggi. La Lega, An, i gruppi post e neodemocristiani che ancora non si sono allontanati da lui, confluendo nel Terzo Polo.

Il Pdl, in primo luogo. L’ha detto a “Ballarò” il ministro Angelino Alfano, tra i più vicini al Premier. Senza Berlusconi, il Pdl non potrebbe esistere né resistere. Perderebbe senso e fondamento. Identità, organizzazione e risorse. Come un ghiacciaio enorme, dove stanno un po’ meno di un terzo degli elettori, ma una quota molto più ampia del sistema mediatico, della classe politica e amministrativa  –  centrale e locale: si scongelerebbe.

Poi, la Lega. Se ne andrebbe per conto proprio, attirando gli elettori, i gruppi economici e sociali, ma anche gli amministratori e i leader vicini alla sua proposta politica. Giulio Tremonti, per primo.
Nel complesso, si spezzerebbe quel puzzle fragile che Berlusconi aveva composto. Perché, va detto, Silvio Berlusconi è l’unico ad aver “unito” l’Italia, nella Seconda Repubblica. A modo suo, intorno a sé. Questa base elettorale e questo ceto politico, un tempo distribuito su base nazionale, nel passaggio da Fi al Pdl si sono meridionalizzati. Si disperderebbero. In che direzione? Nel Centro-Sud: un elettorato frammentato e instabile, largamente controllato da lobby locali, singoli leader, mediatori politici. Probabilmente si frazionerebbe ulteriormente, in tante piccole leghe meridionali. Nel Nord, invece, la Lega rafforzerebbe il suo radicamento e il suo peso elettorale. Non aderirebbe a una nuova alleanza di centrodestra con un partito rimasto senza leader. Ma, probabilmente, investirebbe, senza troppe remore, nell’indipendenza della “Padania”. Approfittando della crisi economica e delle difficoltà dell’euro. Il centrosinistra, perduto il “nemico”, si rifugerebbe nella sua fortezza di sempre. Le Regioni del Centro. Per non vedersi schiacciato dalla Padania, dal governo romano  –  di centrodestra  –  e dal Sud, fiaccato dalla crisi e dalla frammentazione.

Insomma, l’uscita di scena di Silvio Berlusconi accentuerebbe le divisioni del Paese, che egli, in questi anni, ha coltivato e dissimulato. E aprirebbe un vuoto di potere: politico e di senso. Visto che l’intera architettura di questa Repubblica è stata concepita da lui. E si regge su di lui. Perché Silvio Berlusconi è l’inventore della Seconda Repubblica. Colui che ha imposto la personalizzazione e il marketing in politica. Il format a cui si sono uniformati tutti i partiti, a destra e a sinistra. Berlusconi: ha alimentato l’anticomunismo e, in modo simmetrico, l’antiberlusconismo. Insieme al contrasto Nord-Sud e all’orientamento anti-romano, affermati dalla Lega, le fratture “ideologiche” più importanti degli ultimi 17 anni.

Se Berlusconi uscisse di scena ora, all’improvviso, non solo la maggioranza, ma anche l’opposizione di centrosinistra  –  il Paese stesso  –  si troverebbero spaesate. Il sistema politico italiano, scosso da conflitti politici e di leadership, perderebbe la bussola. Il corpo dello Stato, riassunto, insieme al corpo politico e sociale, rischierebbe di decomporsi, insieme al corpo del Capo, che li riassume tutti in sé. (Come ha evocato Mauro Calise, nella nuova edizione de Il Partito personale, edito da Laterza).

Lungi da me l’intenzione di legittimare l’esistente. Anche nelle “democrazie del pubblico” (come le chiama Bernard Manin, nel volume pubblicato dal Mulino), diffuse in Europa e in Occidente, Berlusconi costituisce un’anomalia. Per il grado di concentrazione dei poteri che ha realizzato. Lui, capo del governo, del partito maggiore, proprietario del più grande gruppo mediatico privato, ma influente anche sui media pubblici. È giusto superare questa anomalia, che condiziona da troppo tempo la nostra democrazia. Al più presto. Anche perché Berlusconi appare, da tempo, indebolito. Insieme a lui, si sono indeboliti: il sistema politico, il senso civico, per non parlare del rapporto con lo Stato e lo stesso Stato. Già tradizionalmente deboli, fra gli italiani. Si sono indeboliti anche i fragili legami di solidarietà che legano un Paese tanto diviso.

Tuttavia, occorre essere consapevoli che se Berlusconi abbandonasse la scena politica, per ragioni politiche o giudiziarie (o per entrambi i motivi), i problemi del Paese non si risolverebbero. All’improvviso. Ma si riproporrebbero seri e gravi. Non meno di adesso. Non ne usciremmo, non ne usciremo, senza realizzare le riforme annunciate ed eluse, dopo la fine della prima Repubblica. Ecco: se Berlusconi uscisse di scena, occorrerebbe ri-costruire, ri-formare e ri-fondare la nostra democrazia attraverso “un processo costituente condiviso”. Rinunciando al vizio e al brivido dell’anomalia. Anche se una “democrazia normale” non è nelle nostre corde, nella nostra tradizione.

da: E se il Cavaliere uscisse di scena – Repubblica.it.

2 commenti

  1. Sono un “Fan” di Diamanti, ho sempre a portata di mano il suo “Mappe dell’italia Politica”, alla quale sto sovrapponendol’Italia dei comuni medievali un lavoretto che richiede tempo e passione. La spinta centrifuga dallo stato centrale ed inefficiente c’è, sia al nord sia al centro sia al sud. La separazione tra popolo e caste politiche c’è. Da sempre ogni “Sire” locale distribuiva a piene mani incarichi e prebende ai suoi compiacenti servitori, signorotti locali che distribuivano a cascata in cambio di consenso e voti. Il consenso si comprava e si compra non col le idee bensì con i favori a questi o quelle, i favoriti e le favorite. L’Italia dei comuni era così ed il modello funzionava. Dico modello e non “pardigma”. Diamanti ha ragione. Al peggio non c’è limite soprattutto quando le cose vanno male.Incluso il 26 posto nel “Democracy Index”…
    Bravo Diamanti chissammai che qualcuno lo ascolti.
    buoni giorni e buone notti.
    Emilio

    Mi piace

  2. caro emilio
    sai che l’unico da ascoltare è massimo cacciari che propone un nuovo PATTO COSTITUENTE
    i vari diamanti, ricolfi ecc forniscono dati strutturati
    a questo dovrebbero attenersi
    quando si improvvisano politici disertano il loro ruolo
    ripeto la perorazione che ti ho fatto poco fa: fare schede dei libri che leggi
    una persona di tua esperienza diventerebbe risorsa sul web
    segui il mio corso ed i commenti sull blog:
    http://www.muoversinsieme.it/archive/2011/01/21/hai-60-anni-fatti-un-blog.html

    Mi piace

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.