POLITICHE SOCIALI e SERVIZI:

Home » 2) POLITICHE e LEGISLAZIONE » SERVIZI » SERVIZI SOCIALI (Pagina 5)

Category Archives: SERVIZI SOCIALI

Presentata la cartella sociale informatizzata. Strumento di raccolta dati e programmazione economica in real time – MerateOnline, 24 ottobre 2014


vai a Presentata la cartella sociale informatizzata. Strumento di raccolta dati e programmazione economica in real time – MerateOnline.

Bartolomei Annunziata, Passera Anna Laura, L’ASSISTENTE SOCIALE. MANUALE DI SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE, edizioni Cierre, Roma, 2013


indici1391 indici1392 indici1393 indici1394 indici1395 indici1396 indici1397

SCHEDA DI STUDIO a cura di Paolo Ferrario: alle origini della parola “servizio” e la professione degli assistenti sociali


La parola “servizio” ha una antica tradizione. E la professione degli “assistenti sociali” dovrebbe essere fiera di averla incarnata sul piano metodologico nelle istituzioni, nelle organizzazioni e nel lavoro sociale.

Fra le tante fonti di questa tradizione, rimandando ad una bilbliografia più analitica, si possono ricordare questi due libri:

  • BORTOLI BRUNO , I giganti del servizio sociale. Grandi donne “e grandi uomini” nella storia del Welfare 1526-1939 (vai alla scheda Qui)
  • CACIOPPO MARIA e TOGNETTI BORDOGNA MARA, Il racconto del servizio sociale. Memorie, narrazioni, figure dagli anni Cinquanta ad oggi (vai alla scheda Qui)

Rimando anche al capitolo 1 del mio libro Paolo Ferrario, POLITICHE SOCIALI E SERVIZI: metodi di analisi e regole istituzionali, Carocci Faber Editore, 2014, p. 450

1 Il concetto di servizio, pag. 17-30

1.1. Introduzione

1.2. Polis e politica

1.3. Le politiche sociali

1.4. Le politiche e i servizi

1.5. Alle radici della parola servizio

1.6. La società dei servizi

1.7. I tre livelli sistemici dei servizi: istituzioni, organizzazioni, professioni

1.8. La distinzione fra prodotti materiali e prodotti immateriali

Le e gli assistenti sociali sono stati i costruttori delle metodologie del servizio sociale ed i primi e più eticamente motivati a sviluppare le politiche di riforma degli ultimi decenni del ‘900 e del primo quindicennio del 2000.

 

2. L’assetto istituzionale dei servizi, pag. 31-44, Paolo Ferrario, POLITICHE SOCIALI E SERVIZI. Metodi di analisi e regole istituzionali, Carocci Faber, 2014


2. L’assetto istituzionale dei servizi, pag. 31-44

2.1. Introduzione

2.2. Le fasi del regionalismo italiano

2.3. Il ciclo politico 1997-2001

2.4. La riforma costituzionale n. 3 del 2001

2.5. Il principio culturale e istituzionale della “sussidiarietà”

da Paolo Ferrario, POLITICHE SOCIALI E SERVIZI. Metodi di analisi e regole istituzionali, Carocci Faber, 2014.

Integrazione sociosanitaria per la sostenibilità del SSN, Congresso Nazionale Federsanità ANCI, 15 ottobre 2014


Congresso Nazionale Federsanità ANCI

Data evento:15-10-2014

Integrazione sociosanitaria per la sostenibilità del SSN

Roma, 15 e 16 ottobre 2014
Villa Malta, via di Porta Pinciana 1

leggi il programma

2014-10-03_161109

da Congresso Nazionale Federsanità ANCI.

Nuovi Apprendimenti, Associazione di volontariato, Roma, Email: nuoviapprendimenti@gmail.com


Siamo un gruppo di Assistenti Sociali, Psicologi, Educatori e volontari nato intorno al desiderio di offrire spazi di aggiornamento e formazione per le professioni di aiuto.

Organizziamo anche eventi formativi nelle scuole o promuviamo work shop, seminari sui temi del benessere e di Welfarete

Partecipano al nostro gruppo anche studenti scienze della formazione  e  neo laureati assistenti sociali educatori e psicologi, per creare sinergie tra chi si sta affacciando ad una professione di aiuto e chi già la esercita da tempo.

Un luogo virtuale e anche reale per permettere continuo scambio di idee e  progettazione partecipata sulla propria formazione ed aggiornamento.

Tra i vari progetti anche quello di sviluppare e dare assistenza start up progetti libera professione e impresa sociale per le professioni di aiuto creando reti di supporto locali e favorando il lavoro di rete tra operatori

Il Nostro Impegno

Per le professioni di aiuto : ci dedichiamo ad organizzare momenti di muto scambio reciproco per aggiornamento competenze conoscenze e capacità.

Sei sei un assistente sociale, educatore o psicologo o appartieni ad altre professioni che lavorano con la relazione di aiuto o in campo educativo puoi contattarci sia per chiederci novità su eventi in ambito formativo e aggiornamento sia per proporre tue idee e progetti

Il nostro gruppo opera a Roma e dintorni.

Ti salutiamo con alcune frasi significative sull’apprendimento

“Il vero segreto dell’apprendimento è avere sempre una mente da principiante perché nella mente di un principiante ci sono molte possibilità, nella mente di un esperto, poche”
Shunryu Suzuki (scrittore)

“Chiunque smetta di imparare è un vecchio, che abbia 20 anni o 80.
Chi continua ad imparare, giorno dopo giorno, resta giovane.
La cosa migliore da fare nella vita è mantenere la propria mente giovane ed aperta.”
Henry Ford (Industriale)

Maggiori informazioni http://nuoviapprendimenti.webnode.it/chi-siamo/o/

 

da Chi Siamo :: Nuovi Apprendimenti.

POLITICHE DELLA FAMIGLIA PER L’ANNO 2014: INTESA SU DECRETO RIPARTO FONDO, documento della Conferenza delle Regioni e delle province autonome nella Conferenza Unificata del 5 agosto 2014


La Conferenza delle Regioni e delle province autonome nella Conferenza Unificata del 5 agosto ha espresso l’intesa sul decreto di riparto concernente l’utilizzo delle risorse stanziate sul fondo per le politiche della famiglia per l’anno 2014 (vedi anche “Regioni.it” n.2554).
Le Regioni hanno anche consegnato al governo un documento che contiene modifiche migliorative del testo del decreto.
Si riporta di seguito il testo integrale di tale documento della Conferenza delle Regioni che è stato pubblicato anche sul sito http://www.regioni.it (sezione “Conferenze”)
punto 18) o.d.g. conferenza unificata
La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome esprime l’intesa, condividendo le seguenti modifiche migliorative del testo:
1. nella premessa all’ultimo “CONSIDERATO”:
 “CONSIDERATO, altresì, che occorre stabilire le modalità di ripartizione tra le Regioni della quota spettante alle stesse mediante l’utilizzo dei criteri di ripartizione del Fondo nazionale per le Politiche sociali, nonché le modalità di erogazione e monitoraggio delle risorse destinate agli enti territoriali”;
2. all’articolo 2, comma 2, dopo le parole “i progetti”, aggiungere “e/o le attività” e al comma 6, dopo le parole “i progetti”, aggiungere “e/o le attività”.
Roma, 5 agosto 2014

documento approvato – POLITICHE DELLA FAMIGLIA PER L’ANNO 2014: INTESA SU DECRETO RIPARTO FONDO

da newsletter – Regioni.it.

Paolo Ferrario, POLITICHE SOCIALI E SERVIZI, Metodi di analisi e regole istituzionali, Carocci editore. Scheda editoriale per l’acquisto online


IN VENDITA ONLINE PRESSO L’EDITORE:

Paolo Ferrario

Politiche sociali e servizi

Metodi di analisi e regole istituzionali

EDIZIONE: 2014

COLLANA: CAROCCIFABER Il servizio sociale (140)

ISBN: 9788874666966

  • Pagine 448
  • Prezzo€ 39,00

Indice

Introduzione

Parte prima

Politiche sociali e servizi alla persona e alla comunità

1 Il concetto di servizio

Introduzione/Pólis e politica/Le politiche sociali/Le politiche e i servizi/Alle radici della parola “servizio”/La società dei servizi/I tre livelli sistemici dei servizi: istituzioni, organizzazioni, professioni/La distinzione fra prodotti materiali e prodotti immateriali

2 L’assetto istituzionale dei servizi

Introduzione/Le fasi del regionalismo italiano/Il ciclo politico 1997-2001/La legge costituzionale 3/2001/Il principio culturale e istituzionale della sussidiarietà

3 Politiche dei servizi sanitari

Introduzione/Modelli di sistema sanitario/Fasi delle politiche sanitarie in Italia/Assetto istituzionale dei servizi sanitari dopo la riforma costituzionale/I livelli essenziali di assistenza e il principio dell’appropriatezza/Le aziende sanitarie locali/La sostenibilità del Servizio sanitario nazionale

4 Politiche dei servizi sociali e socioeducativi

Introduzione/Fasi dei servizi sociali e socioeducativi in Italia/Analisi funzionale della legge 328/2000/Assetto istituzionale dei servizi sociali e socioeducativi dopo la riforma costituzionale/I livelli essenziali delle prestazioni/I servizi sociali comunali/Gestione indiretta mediante contratti di appalto e accreditamento/I Piani di zona

Parte seconda

Metodi e strumenti di analisi del sistema dei servizi

5 Paradigmi per l’analisi delle politiche dei servizi

Introduzione/I diversi fattori di sviluppo/Accostare le complessità/Il metodo dei paradigmi

6 Cultura, individui e società

Introduzione/Il concetto antropologico di cultura/Il contributo conoscitivo e formativo di Carlo Tullio-Altan/Il modello concettuale cultura/individuo/società/Centralità della persona nelle moderne società/Le situazioni problematiche e i servizi

7 Bisogni, domanda, offerta e situazioni problematiche

Introduzione/Lo schema di analisi B/D/O/Il bisogno /La domanda/Il problema e la situazione problematica/L’offerta/Le Carte dei servizi/La qualità del servizio

8 Rete, istituzioni e servizi

Introduzione/Le istituzioni/Il concetto di rete applicato ai servizi/I soggetti istituzionali della rete dei servizi/Il terzo settore e le sue componenti interne/I sottosistemi di offerta /I servizi sociosanitari

9 Lo schema input/sistema/output e le agende politiche

Introduzione/Lo schema input/sistema/output/Il concetto di agenda politica/Le riforme dell’ultimo trentennio del Novecento/L’agenda politica del primo decennio del Duemila/Le prospettive di ulteriore modifica del Titolo V della Costituzione

10 Stato, mercato, società e tendenze di crisi

Introduzione/Schemi di analisi: Habermas, Samuelson, Musgrave, Walzer, Polanyi/Le grandi crisi del 1929, del 1973 e del 2007-08/Il finanziamento dei servizi/Prospettive economiche e politiche dei servizi

Parte terza

Problemi e servizi

11 Famiglie, minori e politiche dei servizi

Introduzione/I mutamenti culturali e sociali delle famiglie/Il ruolo del padre nelle nuove famiglie/Politiche sociali e servizi per le famiglie e i minori

dagli anni Settanta al Duemila/Politiche sociali e servizi per le famiglie e i minori dal 2001/

12 Disabilità e politiche dei servizi

Introduzione/Famiglie e disabilità/ Politiche sociali e servizi per le disabilità/Disabilità, scuola, integrazione e bisogni educativi speciali/L’amministratore di sostegno/Disabilità e politiche del “dopo di noi”

13 Salute mentale, psichiatria e politiche dei servizi

Introduzione/Le culture della psichiatria/Malattie mentali, famiglie, giovani e disagio/Le politiche psichiatriche/Le reti dei servizi per la salute mentale dal 2001/La riabilitazione psichiatrica e il lavoro professionale di cura

14 Dipendenze, tossicodipendenze e politiche dei servizi

Introduzione/Tossicodipendenze e nuove dipendenze nel tempo attuale/L’era digitale e la dipendenza dalla Rete/Politiche dei servizi per le tossicodipendenze

nell’ultimo trentennio del Novecento/Politiche dei servizi per le dipendenze e le tossicodipendenze dal 2001/Il sistema dei servizi e delle cure per le dipendenze e le tossicodipendenze

15 Vecchiaia, anziani e politiche dei servizi

Introduzione/Invecchiamento e trasformazioni individuali e sociali/ Lavoro di cura, stress, caregiver e rischi di abuso/Politiche dei servizi per gli anziani dagli anni Settanta a oggi/Servizi domiciliari e lavoro privato di cura/Servizi residenziali/Le riforme delle pensioni dal 1992 al 2011

16 Demenze e politiche dei servizi

Introduzione/Demenze e malattia di Alzheimer/ Il familiare caregiver/Le reti dei servizi sanitari e sociali/I servizi specifici per i malati e i familiari

17 Biopolitiche e servizi alla persona: inizio e fine vita

Introduzione/Bioetiche e biopolitiche/Le biopolitiche dagli anni Settanta a oggi/Biopolitiche e inizio vita/ Biopolitiche e fine vita

18 Immigrazioni e politiche dei servizi

Introduzione/Il tempo delle migrazioni/Politiche migratorie e legislazione: l’agenda italiana/Immigrazione e famiglie/ Immigrazione: minori, scuola, servizi educativi

Bibliografia

La presa in carico, la segnalazione e la vigilanza per la PROTEZIONE DELLA TUTELA DELL’INFANZIA E DELL’ADOLESCENZA nell situazioni di rischio e pregiudizio in Veneto, a cura del pubblico tutore dei minori e dell’assessorato alle politiche sociali, Regione Veneto, 2005


Qui il file in formato pdf:

Jon Kabat-Zinn MINDFULNESS PER PRINCIPIANTI, Mimesis edizioni


PREZZO: €15,00 €12,75

PAGINE:164

DATA PUBBLICAZIONE: 2014

ISBN:9788857524085

A CURA DI:Anna Lucarelli, Franco Cucchio, Lorenzo Colucci, Gherardo Amadei

Jon Kabat-Zinn

MINDFULNESS PER PRINCIPIANTI

Quanto tempo passiamo tutti i giorni a pensare a noi stessi, a ciò che è nostro, alle nostre azioni, a quello che abbiamo fatto e a quello che ancora dobbiamo fare? Ogni giorno le nostre vite sono piene di impegni da portare a compimento, con il risultato che le giornate diventano nient’altro che una somma di cose fatte o da fare. Tutto questo ci causa ansia e dolore, e non ci permette di vivere bene. Passiamo più tempo a pensare alla nostra vita che a viverla per davvero. La “mindfulness” ha l’obiettivo di insegnarci a essere presenti alle nostre vite, di farci scoprire il valore del “non sapere” e il valore di imparare a stare con noi stessi, senza giudicare e senza pensare troppo. Solo vivendo.

Jon Kabat-Zinn PhD, Professore Emerito di Medicina presso la Medical School dell’Università del Massachusetts, è il fondatore del Center for Mindfulness in Medicine, Health Care, and Society e il creatore del programma MBSR (Mindfulness-Based Stress Reduction), la cui diffusione è ormai internazionale. è autore di numerosi libri divenuti bestsellers, che sono stati tradotti in più di trenta lingue, compreso l’italiano. Si è laureato in biologia molecolare al MIT, lavorando nel laboratorio del Premio Nobel Salvador Luria. Le ricerche di Jon Kabat-Zinn si sono principalmente orientate a studiare le interazioni mente/corpo e i possibili interventi su tali interazioni al fine di promuovere i processi di guarigione. è uno dei fondatori del Consortium of Academic Health Centers for Integrative Medicine e attualmente membro del direttivo del Mind and Life Institute.

Tracce audio:

Meditazioni sui suoni e sui pensieri

Meditazione sul cibo

Meditazione sul respiro

Pratica di pura consapevolezza

da Mindfulness per principianti | Frontiere della psiche | Collane | Mim-Edizioni S.r.L..

DIALOGHI DI FUTURO, Azienda Speciale Consortile Comuni Insieme per lo Sviluppo Sociale: CONVEGNO in occasione dei dieci anni di attività, giovedì 23 ottobre 2014, Bollate (MI), alla Fabbrica Borroni


 

L’Azienda Speciale Consortile Comuni Insieme per lo Sviluppo Sociale, in occasione dei dieci anni di attività, organizza un evento di incontro e di dibattito sul welfare prossimo venturo. Una giornata di confronto e di incontro con interlocutori istituzionali, amministratori pubblici ed esperti di politiche sociali con uno sguardo orientato agli anni a venire., nella inusuale location di Fabbrica Borroni, spazio simbolico tra passato e futuro.

sito della Fabbrica Borroni

2014-08-30_114939 2014-08-30_115016 2014-08-30_115034

IMG_1400048889171 IMG_1394072723400 IMG_1387971588146 IMG_1381148193371 IMG_1366147552501 IMG_1360677154552

 

I WORKSHOP POMERIDIANI
Ore 14.30 e replica ore 15.30

 

Workshop #1: Inserimento lavorativo? No grazie!
La difficile relazione tra lo scouting aziendale e l’inserimento lavorativo Il workshop propone un approfondimento sulle azioni di integrazione e inserimento lavorativi di persone appartenenti alle categorie protette (minori segnalati dal servizio tutela e prevenzione, detenuti) all’interno di aziende private. Grazie alla presenza di operatori sociali e amministratori aziendali, si affronterà la relazione con le aziende, necessariamente parte del processo del lavoro del servizio di inserimento. Si approfondiranno gli aspetti funzionanti e ben avviati di questo rapporto, ma anche le criticità, aprendo una serie di interrogativi sui quali sarà possibile confrontarsi durante il dibattito. Scopo del workshop è quello di conoscere sia il punto di vista delle aziende, sia dal punto di vista degli operatori sociali, confrontandosi anche su possibili scenari differenti e innovativi, presentando e accogliendo proposte e suggerimenti. Il servizio di Comuni Insieme, NIL, Nucleo Integrazione Lavorativa, si occupa di progettare e sviluppare azioni di integrazione lavorativa e riabilitativa risocializzante per persone appartenenti alla categorie protette o svantaggiate. Il NIL è accreditato presso Regione Lombardia per i servizi al lavoro legge 22/06.

Workshop #2: Vedo, sento, parlo. Azioni per contrastare violenza domestica e stalking.
Il workshop affronta e racconta, con gli operatori del servizio, le azioni svolte dallo sportello di ascolto Al tuo fianco: aiutare le vittime di violenza in ambito domestico e di stalking e di accompagnarle nel percorso di uscita dalle loro problematiche. Verranno proiettatti due filmati: una parte dello spettacolo teatrale di Serena Dandini, “Ferite a morte” e presentato il progetto “Posto occupato”. Sarà allestita una mostra con le locandine di eventi realizzati per contrastare la violenza. Lo sportello Al tuo fianco è attivo 2 giorni la settimana presso le sedi di Cesate (mercoledì pomeriggio) e Bollate (venerdì pomeriggio). Offre un primo ascolto del bisogno e di consulenza legale e psicologica al quale si può accedere direttamente o tramite appuntamento ad numero di telefono di pronto intervento sempre attivo. Numerose sono anche le collaborazioni con altri servizi del territorio (Consultori, CPS, Servizi dipendenze, Comuni di base). Con l’associazione L’Orablu di Bollate sono state organizzate iniziative per la sensibilizzazione della cittadinanza e degli operatori sul tema della violenza ed è stata instituita una raccolta fondi (chiamata “Nemmeno con un Fiore”) per costituire un Fondo di Emergenza per le vittime. Relatori: Giulia Lucariello, Chiara Gambarini.

Workshop #3: Dialogando si impara L’approccio dialogico come occasione di apprendimento.
L’approccio dialogico prevede , attraverso l’aiuto di facilitatori, il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati ad un problema e aprendo ad una visione circolare e positiva consente di far emergere tutte le risorse che ciascuno può mettere in campo per avviare processi di cambiamento. Sollecita la capacità di guardare al futuro con un approccio positivo. Il workshop propone un approccio a questa metodologia attraverso alcune esperienze attive. Marco Braghero – ricercatore presso Università di Jyvaskyla – Finlandia.

Workshop #4: L’esperienza delle Riunioni di Famiglia.
Mettiamoci in cerchio: Famiglie e Istituzioni insieme. Una Riunione di Famiglia è un incontro tra i membri della famiglia allargata e le altre persone importanti presenti nella rete familiare e amicale. Lo strumento delle Riunioni di Famiglia è stato utilizzato in ambito scolastico e nell’ambito dell’affido familiare, all’interno del progetto Di Concerto. Durante il workshop verrà presentata l’esperienza condotta nelle scuole secondarie di primo grado da alcuni operatori di Comuni Insieme al fine di illustrare i benefici dello strumento. In Comuni Insieme lo strumento delle Riunioni di Famiglia è stato utilizzato in ambito scolastico e nell’ambito dell’affido familiare, all’interno del progetto Di Concerto. La famiglia è chiamata ad elaborare un progetto per rispondere ad un quesito specifico che la riguarda. In questo, la famiglia è supportata da un facilitatore, persona esterna al nucleo e indipendente. Il suo ruolo è quello di accompagnare la famiglia nella preparazione della Riunione e di garantire a tutti la possibilità di esprimere la propria opinione e di essere ascoltati in un clima sereno e di collaborazione. Il bambino/ragazzo nel corso della Riunione può essere affiancato da un operatore di advocacy. Relatori: Palmieri, Scaturchio, Galimberti, Muci.

Workshop #5: Parole al Confine– Il gruppo di parola nei servizi per i minori.
Il workshop illustrerà l’applicazione sperimentale del modello dei Gruppi di Parola, elaborato a partire dal 2005 da un’équipe di ricerca multidisciplinare del Servizio di Psicologia clinica per la coppia e la famiglia dell’Università Cattolica di Milano. La sperimentazione per i bambini in affido ha come obiettivo garantire ai minori uno spazio di ascolto ed espressione per superare il conflitto di lealtà verso la propria famiglia e poter vivere serenamente la doppia appartenenza. Segue il racconto di un’esperienza effettuata dagli operatori del Servizio Minori di Comuni Insieme . Riflessioni su possibili declinazioni future dello strumento e sulle sue possibili applicazioni. Una delle azioni del progetto di Concerto, finanziato da Fondazione Cariplo, è l’utilizzo dello strumento dei gruppi per sostenere il progetto di affido coinvolgendo i suoi attori (famiglie naturali, famiglie affidatarie e bambini in affido) in momenti di condivisione ed elaborazione dell’esperienza. Relatori: Corradi, Perris, Seveso.

Workshop #6: Come le tecnologie trasformano i servizi sociali?
Una mappa delle questioni in gioco a partire dalle esperienze dei partecipanti. Le tecnologie, le opportunità della rete, la diffusione dei social network negli ultimi anni sono prepotentemente entrate nella nostra quotidianità. Come sta reagendo il mondo del welfare e dei servizi alla persona? Risponde con intraprendenza, accetta a denti stretti i nuovi strumenti di lavoro, resiste alla pervasività delle tecnologie digitali? Nel workshop, a partire dalle esperienze di chi parteciperà, si ragionerà su opportunità e derive, scenari e competenze. Relatori: Graziano Maino, Anna Omodei – formatori e consulenti di Pares, consulenza co-operativa.


bollate1404

Entrata della Fabbrica Borroni:

borroni1466

comuninsieme1603

I servizi domiciliari: raccontare e raccontarsi, a cura di Beatrice Longoni, Maggioli editore, 2014 – libro promosso dalla Cooperativa Cogess di Milano e Cusano M.


I servizi domiciliari: raccontare e raccontarsi

Nel 2013 Cogess ha raggiunto il traguardo dei trenta anni di attività:
un lungo percorso di cooperazione prevalentemente incentrato sulla domiciliarità
e sulla territorialità degli interventi di aiuto.
Per realizzare in modo pieno e non ritualistico la nostra esperienza abbiamo realizzato
tra il 2012 e il 2013 un complesso e articolato progetto di laboratorio di scrittura professionale,
che ha coinvolto dirigenti, coordinatori, operatori di varie professionalità
e ancora consulenti, interlocutori istituzionali e del territorio sul tema della domiciliarità
e territorialità che rappresenta la nostra esperienza lavorativa lunga 30 anni.
Dal progetto è nata una pubblicazione, recentemente edita da Maggioli, dal titolo
“I servizi domiciliari: raccontare e raccontarsi”, che segnaliamo come contributo
a testimonianza dei valori, delle motivazioni e professionalità che si sono espresse
nel lungo percorso umano e professionale di Cogess nel territorio

 Cliccare qui per scaricare la scheda del libro in formato pdf

da pubblicazioni – Cooperativa Cogess.

2014-08-28_094035 2014-08-28_094107 2014-08-28_094125

Guida ai diritti e alle prestazioni sanitarie e sociosanitari (con particolare riferimento alla Regione Marche), a cura di Grusol, Moie di Maiolati (An), 2014


Guida ai diritti e alle prestazioni sanitarie e sociosanitarie

 (Aggiornata, con la normativa della regione  Marche, al luglio 2014), 

vai a:  http://www.grusol.it/apriInformazioni.asp?id=2745

Verso il nuovo Isee. Contenuti e problematiche applicative. Intervista a Massimiliano Gioncada


Massimiliano Gioncada, Verso il nuovo Isee. Contenuti e problematiche applicative
A breve dovrebbe entrare in vigore la nuova normativa sull’Isee,
L’impressione è che dopo una prima fase in cui le modifiche sono state salutate con soddisfazione da molti soggetti, in particolare enti locali, sembra ora allargarsi il fronte dei perplessi.
Ne parliamo con l’avvocato Massimiliano Gioncada con il quale facciamo il punto riguardo contenuti, anche rispetto alla precedente normativa e problematiche applicative (a cura di Fabio Ragaini).
Per approfondimenti consulta il sito del Gruppo Solidarietà,  http://www.grusol.it

Gianni Garena, GLI ADORATORI DEL DIO CHRONOS. Tracce per un dibattto sul “tempo-lavoro” degli operatori sociali, in Animazione sociale ottobre 2004, pp. 18-30


VAI A:

Cristiano Gori, Valentina Ghetti, Giselda Rusmini, Rosemarie Tidoli, Il welfare sociale in Italia, Carocci editore 2014


Il welfare sociale in Italia

Cristiano GoriValentina GhettiGiselda RusminiRosemarie Tidoli

Il welfare sociale in Italia

Realtà e prospettive

EDIZIONE: 2014

COLLANA: Studi Superiori (947)

ISBN: 9788843073252

  • Pagine 288
  • Prezzo€ 21,00
  • in libreria dal 10 luglio

Università – Sociologia politica e politiche socialiCarocci editore – Il welfare sociale in Italia.

Indice

Introduzione

Parte prima La realtà attuale

1. Fotografie. Il welfare sociale in Italia

La filiera istituzionale/La rete del welfare territoriale/Alcuni punti nevralgici

2. Così uguali e così diverse. Le aree del Paese a confronto

I servizi per la prima infanzia/Gli interventi per gli anziani non autosufficienti/Conclusioni

3. L’innovazione difficile. Le politiche regionali

Introduzione/Le riforme regionali per le persone anziane non auto­sufficienti/Le politiche regionali di contrasto alla povertà e all’e­sclusione sociale/Le politiche regionali dei servizi alla prima infan­zia

4. Riformismi incompiuti. Le politiche nazionali

Introduzione/Le riforme nazionali mancanti/La riforma nazionale decisa ma di scarso impatto/Le prospettive delle riforme nazionali/Lo sviluppo carente

5. Le ragioni di uno sviluppo carente. Perché non abbia­mo investito nel welfare sociale

Introduzione/L’assenza del welfare sociale tra le priorità politiche/La prevalenza degli interessi “particolari” nel processo decisionale italiano/Lo scenario sfavorevole: l’epoca delle non riforme/Superare le criticità del passato: la sfida chiave per il futuro

Parte seconda Le prospettive future

6. La mappa dei rischi per la prima infanzia

Premessa. Una bussola per il welfare davanti a noi/I servizi socio-educativi alla prima infanzia/Si riducono i posti e i servizi/I servizi diventano sempre più costosi/Diminuisce la qualità dell’offerta/Il quadro complessivo

7. La mappa dei rischi per le famiglie con anziani non autosufficienti

Si riducono prestazioni, servizi e beneficiari/Si arretra sul presidio pubblico nel percorso di assi­stenza/Aumentano i costi dei servizi, per gestori e famiglie/Diminuisce la qualità dell’offerta

8. La mappa dei rischi per le persone povere e a rischio di emarginazione

Quote maggiori di popolazione scivolano verso la po­vertà/Peggiorano le condizioni di dipendenza dei giovani/Si aggrava il carico di cura per le donne

9. Una visione d’insieme. I rischi per il sistema di welfare sociale

L’utenza: a rischio qualità ed equità del welfare/Gli operatori: condizioni e dignità del lavoro sociale a rischio di arretramento/Il sistema: a rischio il mercato e la visione del welfare/Il quadro complessivo

10. Le scelte possibili. Il finanziamento

Il nodo delle risorse/Le forme organizzate di finanziamento privato/Il finanziamento autonomo di singoli individui o fa­miglie/L’efficientamento dei servizi a titolarità pubblica/La ricerca di maggiori risorse pubbliche: l’unica via contro il precoce declino del welfare sociale/Le scelte necessarie quando è più complicato compierle

11. Le scelte possibili. Le politiche e gli interventi

Politiche nazionali, riforme nazionali/Dal nazionale al locale/Conclusioni

Bibliografia

Gli autori

IL NUOVO ISEE (Dpcm 159/2013): COME ATTREZZARSI, Milano 24 giugno 2014, Auditorium La Cordata, Via San Vittore, a cura di IRS istituto di ricerca sociale


IRS Istituto per la Ricerca Sociale
IL NUOVO ISEE:

COME ATTREZZARSI? 

Milano, 24 Giugno, 9.30 – 13.30

Auditorium La Cordata, via San Vittore 49

Il recente DPCM n. 159/2013 introduce importanti novità nelle modalità di calcolo e di determinazione della condizione economica delle famiglie che richiedono prestazioni socio-assistenziali o comunque subordinate alla prova dei mezzi. Ma quali sono le novità introdotte con la riforma dell’ISEE? Quali saranno le ricadute applicative e gestionali? E soprattutto, quali gli impatti sulle famiglie attualmente beneficiarie e sulla spesa degli enti locali? Verranno fornite anche indicazioni per possibili simulazioni di impatto della riforma, alla luce delle novità normative introdotte e dei margini di flessibilità laswciati agli enti erogatori.

IRS, in collaborazione con Clesius, intende promuovere una riflessione sulle modalità più opportune per atttrezzarsi al cambiamento. 

Il seminario è rivolto ad amministratori, dirigenti ed operatori di enti, istituzioni pubbliche ed ambiti territoriali e più in generale a tutti coloro che sono interessati alle ricadute applicative della riforma.

 

Programma: 

h. 9.00 Registrazione dei partecipanti

h. 9.30  Apertura dei lavori

Introduce Emanuele Ranci Ortigosa, direttore scientifico IRS

h 10.00 Intervengono in qualità di esperti

Daniela Mesini e Maurizio Motta (IRS, Milano)

Sara Colombini (CAPP, Università di Modena e Reggio)

Claudio Goatelli e Gilberto Barbieri (Clesius, Trento)

E’ previsto un breve coffee break

h 13.00 Spazio per dibattito e conclusioni

 

Per informazioni:

tel. 02 46764310

segreteria@irsonline.it

Iscrizioni:ISCRIZIONI ON LINE

www.prosp.it/24giugno

ENTRO 20/6 o FINO AD ESAURIMENTO POSTI

Iscrizione individuale

€ 100,00 IVA esente per enti pubblici

€ 122,00 IVA inclusa per enti/organizzazioni   

€ 97,60 per singoli o professionisti

SONO PREVISTI SCONTI PER ISCRIZIONI MULTIPLE

L’ISCRIZIONE SI INTENDE CONFERMATA AL RICEVIMENTO DELLA RICEVUTA DI PAGAMENTO O DELLA DELIBERA DI INCARICO  / IMPEGNO DI SPESA IN CASO DI ENTI PUBBLICI

Sono stati richiesti da IRS al CROAS Lombardia 3 crediti per la formazione degli assistenti sociali

 

scarica il programma
iscriviti
 

 

Elisabetta Biffi, LE SCRITTURE PROFESSIONALI DEL LAVORO EDUCATIVO, FrancoAngeli, 2014, p. 160


La scheda dell’editore FrancoAngeli è qui:

http://www.francoangeli.it/Ricerca/Scheda_libro.aspx?ID=21920&Tipo=Libro&strRicercaTesto=&titolo=le+scritture+professionali+del+lavoro+educativo++

biffi996 biffi997 biffi998 biffi999

CAREGIVER DAY, giornata del caregiver familiare, Carpi 28, 29, 30, 31 maggio 2014


2014-05-09_224442 2014-05-09_224610 2014-05-09_224626 2014-05-09_224637 2014-05-09_224651 2014-05-09_224709 2014-05-09_224719 2014-05-09_224742

vai alla locandina:  Invito_Generale_Caregiver_Day_2014

Vanna Riva, ETNOGRAFIA NEL SERVIZIO SOCIALE, Vita e Pensiero 2014, presentazione del libro il 20 maggio 2014, Università di Milano Bicocca


vriva

Con l’approvazione del Dpcm 159/2013, nasce il nuovo ISEE, corso a cura della Ledha – Bosisio Parini (Lecco), 15 aprile 2014


28/04/2014

Nuovo ISEE

Anche a Bosisio Parini (Lecco) LEDHA organizza un corso per capire cosa cambia. Appuntamento il 16 maggio presso la sede dell’Associazione La Nostra Famiglia.

Con l’approvazione del Dpcm 159/2013, nasce il nuovo ISEE, l’indicatore della situazione economica, destinato ad influire sulle modalità di richiesta di partecipazione alla spesa dei servizi da parte degli Enti Locali. I Comuni dovranno riformulare i propri regolamenti per adeguarli alla nuova normativa. L’attesa è che l’implementazione delle nuove norme possa mettere ordine in una materia che ha creato notevoli problemi al rapporto tra cittadini e pubblica amministrazione.

In Lombardia la situazione è particolarmente delicata e complessa, anche per via della sovrapposizione tra “Nuovo Isee” e la legislazione regionale in materia (L.R. 2/2012) che ha istituito il cosiddetto Fattore Famiglia Lombardo. Leggi le cui prescrizioni non sempre coincidono. Come dovranno regolarsi i Comuni lombardi? In che modo si potranno garantire alle persone con disabilità equità ed omogeneità di trattamento?

Dopo il successo dello scorso 15 aprile, LEDHA replica presso la sede dell’Associazione La Nostra Famiglia, dalle 14 alle 18, il corso di formazione rivolto operatori sociali, pubblici e del privato sociale, amministratori e funzionari pubblici, leader associativi, operatori dei Centri di Assistenza Fiscali. E’ stato richiesto il patrocinio al Consiglio Regionale Ordine Assistenti Sociali (CROAS).

Programma
Ore 14.00 – Accoglienza e registrazione dei partecipanti

Ore 14.30 – Luisa Bosisio Fazzi, Presidente della Fondazione Orizzonti Sereni
Una storia che viene da lontano: ruolo e posizioni del movimento associativo sul tema della partecipazione alla spesa dei servizi

Ore 15.30 – 16.30 – Avv. Gaetano De Luca – Servizio Legale LEDHA
Il “Nuovo Isee”: analisi approfondita degli articoli più rilevanti della nuova normativa
Pausa

Ore 16.45 – 18 – Avv. Gaetano De Luca – Servizio Legale LEDHA
Tra “Nuovo Isee e Fattore Famiglia Lombardo: Rapporti della nuova normativa con la normativa regionale lombarda.
Nuovo Isee e principi antidiscriminatori (Legge 67/2006 – Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità)

Informazioni ed iscrizioni
Per informazioni ed iscrizioni contattare il Centro Progetto di Vita di Ledha (martedì e venerdì dalle 10.00 alle 16.00 – 02/6570425 oppurecpv@ledha.it)

Ledha – News – Ultime notizie.

Valorizzare il lavoro dei servizi di assistenza domiciliare |di matteoloschiavo da Appunti di lavoro


vai a:

Valorizzare il lavoro dei servizi di assistenza domiciliare | Appunti di lavoro.

“Tracce di innovazione dei servizi sociali per un welfare di comunità”, Reggio Emilia, 27 Marzo 2014 , Video degli interventi


da redazionewebRE – YouTube.

Claudia Marabini (Studio APS di Milano), Intervento a “Tracce di innovazione dei servizi sociali per un welfare di comunità” – 27 Marzo 2014 — Reggio Emilia


“Tracce di innovazione dei servizi sociali per un welfare di comunità” – 27 Marzo 2014 — Reggio Emilia. Intervento di Claudia Marabini (Studio APS) – Fattori qualificanti e nodi critici nello sviluppo di un nuovo sistema di servizi sociali territoriali

 

I tagli al welfare ai tempi della crisi economica: è tempo di ribassi concorrenziali sul costo del lavoro sociale? – di Davide Pizzi, su Scambi di Prospettive


 

I tagli al welfare ai tempi della crisi economica: è tempo di ribassi concorrenziali sul costo del lavoro sociale?

di Davide Pizzi*

Pizzi Davide_ Bandiera ItalianaLe statistiche negli ultimi anni parlano chiaro: la spesa sociale in Italia diminuisce drasticamente anno dopo anno. È forse questo uno dei pochi dati inequivocabili che non necessita di essere sottoposto a ulteriori studi di analisi dell’interpretazioni dei numeri percentuali di un fenomeno, perché in questo caso si può affermare con certezza che è vera l’affermazione che “la matematica non è un’opinione!” Sulla scia di questa tendenza si inseriscono le privatizzazioni e le esternalizzazioni dei servizi, tra cui quelli dedicati alle persone. Alcuni studi dimostrano invece, che privatizzare non produce affatto risparmio, come nemmeno miglior qualità del servizio.
Il concetto è sintetizzabile con questo gioco di parole: liberare per liberalizzare, liberalizzare per liberarsi! In altre parole, offrire la possibilità di decidere se mantenere o meno un servizio a completa gestione pubblica, oppure di liberalizzarlo in modo da essere “libero” da alcune responsabilità.

Leggi il resto dell’articolo

Cellini Giovanni, Controllo Sociale, Servizio Sociale e Professioni di Aiuto, Ledizioni, 2013


Controllo Sociale

Cellini Giovanni, Controllo Sociale, Servizio Sociale e Professioni di Aiuto

 

per acquisto vai a:  Cellini Giovanni, Controllo Sociale, Servizio Sociale e Professioni di Aiuto

Il testo, fra le altre cose, contiene un una parte sul  legame tra politiche sociali e penali; oltre ad un inquadramento specifico sul settore penitenziario.

 

Isee Un commento di Cristiano Gori sul nuovo Isee nazionale., in LombardiaSociale Newsletter n.VI/2014


Isee  Un commento di Cristiano Gori sul nuovo Isee nazionale.

la Fondazione Cariplo ha presentato il nuovo bando sociale “Welfare di comunità e innovazione sociale”, scadenza 30 maggio 2014


Il 31 marzo Fondazione Cariplo ha presentato il nuovo bando sociale “Welfare di comunità e innovazione sociale”. L’intento è quello di avviare sperimentazioni che, coinvolgendo le diverse anime della comunità, permettano diporre in rete le risorse e le forze presenti sui territori delle province lombarde, di Novara e del Verbano-Cusio-Ossola per rispondere più efficacemente ai bisogni dei singoli e delle famiglie.

Per raggiungere questo obiettivo ambizioso Cariplo ha deciso di mettere sul piatto una cifra considerevole, 10 milioni di euro, destinata agli attori pubblici e privati che sceglieranno di intraprendere un percorso di programmazione territoriale, aperta e partecipata, finalizzato a cambiare il welfare locale. I soggetti interessati saranno invitati a mettersi insieme, confrontarsi e proporre congiuntamente idee che possano cambiare il volto delle politiche sociali che, come è sotto gli occhi di tutti, ormai da diversi anni faticano a fornire risposte ai rischi e bisogni cui si trovano quotidianamente esposti i cittadini.

Le reti pubblico-private che si costituiranno in questi mesi avranno tempo fino al 30 maggio per presentare idee progettuali finalizzate alla realizzazioni di sistemi territoriali di welfare comunitario, che dovranno essere capaci di produrre innovazione in merito alle modalità di risposta alle problematiche sociali. Le proposte migliori che saranno selezionate da Fondazione Cariplo verranno quindi sostenute ed accompagnate nelle successive fasi di realizzazione e lo sviluppo.

Dallo Stato alla comunità: una nuova idea di welfare

“Di solito non sono enfatico, ma oggi ho deciso di lasciarmi andare: siamo qui per provare una vera e propria rivoluzione”: queste le parole di Giuseppe Guzzetti, Presidente di Fondazione Cariplo, nel corso della presentazione del nuovo bando sociale. Guzzetti ha ricordato come ci sia stato un periodo felice per il welfare in cui, grazie a tante risorse disponibili, si pensava che attraverso l’intervento pubblico si potesse rispondere a tutti i bisogni sociali, “ma oggi non è più così”. “La vera domanda che dobbiamo porci oggi è: se si può convertire il welfare statale in un welfare di comunità? La comunità, la persona, il territorio, si possono affiancare allo Stato nella risposta ai bisogni sociali?”.

vai a.

Carlone Ugo, INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE SOCIALE come cosa, perchè, Morlacchi editore, 2014, p. 176


www.morlacchilibri.com

2014-04-01_110712

2014-04-01_110532 2014-04-01_110600 2014-04-01_110624 2014-04-01_110638

I SERVIZI DOMICILIARI: RACCONTARE E RACCONTARSI, a cura di Beatrice Longoni, 15 aprile 2014 Spazio Seicentro Via Savona ,99 Milano Orario 14.30 -17.30, iniziativa di Cogess, cooperativa sociale, 15 aprile 2014


Iniziativa di Cogess cooperativa sociale

I SERVIZI DOMICILIARI:

RACCONTARE E RACCONTARSI

15 aprile 2014

Spazio Seicentro, Via Savona ,99 Milano

Orario 14.30 – 17.30

 

 

Alleghiamo il programma  dell’evento con la richiesta di darne ampia diffusione.

 

Abbiamo scritto del nostro lavoro , fra ricerca e testimonianza ..scrivere chiarifica,

rende consapevoli, fa crescere e comunica…

è un mezzo potente

per coloro che pensano con il cuore e sentono con il cervello

 

 

Sono stati richiesti i crediti per la formazione continua all’Ordine Regionale Assistenti Sociali

2014-03-26_181116 2014-03-26_181159

locandina:  Cogess programma Milano 15-4-2014

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: