MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI

Home » COMUNICAZIONE » comunicazione sistemica » gli ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE e il SISTEMA FAMIGLIA, con riferimento a: Paul Watzlawick, J.H Beavin, D.D. Jackson, Pragmatica della comunicazione umana, casa editrice Astrolabio, 1971. Con le vignette di Alfredo Chiappori, tratte da Guglielmo Gulotta, Commedie e drammi nel matrimonio, Feltrinelli, 1976. SCHEDA DIDATTICA a cura di Paolo Ferrario (aggiornata il 4 marzo 2017)

gli ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE e il SISTEMA FAMIGLIA, con riferimento a: Paul Watzlawick, J.H Beavin, D.D. Jackson, Pragmatica della comunicazione umana, casa editrice Astrolabio, 1971. Con le vignette di Alfredo Chiappori, tratte da Guglielmo Gulotta, Commedie e drammi nel matrimonio, Feltrinelli, 1976. SCHEDA DIDATTICA a cura di Paolo Ferrario (aggiornata il 4 marzo 2017)

diapositiva1

CLICCA SULLA PRIMA IMMAGINE

PER VEDERE LE SLIDES IN SEQUENZA


20 commenti

  1. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto and commented:
    Add your thoughts here… (optional)

    Mi piace

  2. giacinto ha detto:

    Ottimo

    Mi piace

  3. […] ritrarrete, alcuni di voi, quelli più intraprendenti, addirittura chiacchiereranno; questo perché il primo degli assiomi della comunicazione redatti dalla scuola di Palo Alto recita: «è impossibile  non comunicare: qualsiasi interazione […]

    Mi piace

  4. ah-la-patty ha detto:

    L’ha ribloggato su Appunti Spettinatie ha commentato:
    Ogni tanto fa bene rileggere gli assiomi della comunicazione…

    Mi piace

  5. Vasco Ursini ha detto:

    Il problema della comunicazione tra individui resta aperto. Già in due non ci si comprende. Figurarsi se si è di più. Normalmente, l’individuo, nel dialogo o nella discussione, invece che ascoltra l’altro primo di ribattergli, si ripiega su quello che aveva gà deto e che l’altro aveva contestato. Così all’infinito: ci si parla addosso, non si dialoga. Questo è il destino dei mortali. L’alternativa? Solo la Verità incontrovertibile, se si riesce a scovare il luogo dove dimora, può consentire un fruttuoso dialogo tra uomini, finalmente liberati dalla propria individualità, che è sempre un errare. Il discorso è estremamente complesso e dovrebbe dunque continuare. Ma io faccio punto qui dopo aver detto a Paolo Ferrario, che ha pubblicato questo post su facebook, che questo mio pensiero è dedicato, soprattutto, a lui, che di queste cose se ne intende. E non solo di queste. Ciao, caro Paolo e grazie di questo post.

    Mi piace

  6. Paolo Ferrario ha detto:

    grazie, vasco. la tua analisi è perfetta. io professionalmente sto attento agli inciampi comunicativi cercando fare frutto della analisi sistemica. lo schema di Watzlawick da questo punto di vista è davvero magnifico. ma tu poni la questione sul piano filosofico. e qui il maestro sei tu perchè hai studiato proprio questo campo del sapere. e quando dici “L’alternativa? Solo la Verità incontrovertibile, se si riesce a scovare il luogo dove dimora, può consentire un fruttuoso dialogo tra uomini, finalmente liberati dalla propria individualità, che è sempre un errare” queste parole sono muscica per le mie orecchie perchè è forse per questo che nell’ultima fase del mio ciclo vitale emanuele severino mi è diventato necessario. grazie per la tua attenzione e per la tua amicizia

    Mi piace

  7. Patrizia ha detto:

    Penso che si dialogo – come dià logos – quando ogni battuta aggiunge qualcosa, ci consente di progredire, avanzare verso una riflessione che si arricchisce ed esplora nuovi elementi, come allargando l’orizzonte. Questo è il valore del linguaggio, del sano linguaggio: permetterci, mediante il contributo, di altri di comprendere maggiormente, arricchirci. Da uno scambio, come da un viaggio, breve o prolungato che sia, si dovrebbe sempre tornare accresciuti, con qualcosa di-dell’ “altro” che prima non avevamo. A volte, mi rendo conto scrivendo, questo “altro” è cronica convinzione delle nostre idee; ciò accade quando ci si parla addosso e non ci si è tolti di dosso se stessi.

    Mi piace

  8. lia ha detto:

    prima scrivete (assioma due): il contenuto classifica la relazione.
    poi qualche riga più sotto:
    Ogni comunicazione ha un aspetto di contenuto e un aspetto di relazione, di modo che il secondo classifica il primo..
    quindi: chi classifica chi? grazie

    Mi piace

  9. […] gli ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE e il SISTEMA FAMIGLIA, con riferimento a: Paul Watzlawick, J.H Beavi… […]

    Mi piace

  10. […] gli ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE e il SISTEMA FAMIGLIA, con riferimento a: Paul Watzlawick, J.H Beavi… […]

    Mi piace

Lascia un Commento se vuoi contribuire al contenuto della informazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Classificazione degli argomenti

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 3.570 follower

Follow MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI on WordPress.com

Articoli Recenti

Archivi

Statistiche del Blog

  • 1,601,097 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: